Nola, paura in un condominio: porta presa a colpi di piccone da un 44enne

Vincenzo Esposito

L'uomo ha tentato anche di bruciare la porta d'ingresso

NOLA –E' successo nella serata  di ieri in un condominio del centro cittadino.  Sul posto  si sono portati  subito gli agenti del Commissariato di P.S. di Nola,  che, anche grazie alle testimonianze dei condomini,  sono riusciti a ricostruire quanto accaduto.
 
Poco prima dell’intervento degli agenti, R.A.,  44enne  napoletano, aveva colpito con un piccone, ripetutamente, la porta d’ingresso dell’abitazione in uso ad una professionista di Nola.  Ma non gli è bastato. L'uomo dopo un poco ha  cosparso di benzina la porta e lo zerbino  per  dargli fuoco. I condomini, spaventati dall’odore acre della benzina che si era propagato per tutto lo stabile, tramite 113 hanno chiamato la Polizia.
 
Il responsabile è stato fermato all’interno di un’auto parcheggiata nei pressi del condominio. Dalla perquisizione effettuata all’interno dell’autovettura, è stato rinvenuto sia il piccone da muratore che quattro accendini in plastica.
 
Un successivo controllo nei garage dello stabile ha portato ad individuare e sequestrare una bottiglia in plastica, contenente benzina, nascosta nel garage di pertinenza della vittima. Gli accertamenti condotti dalla Polizia hanno accertato che i due si  conoscevano da tempo  e che nel pomeriggio l’arrestato aveva insistentemente chiamato telefonicamente  la vittima chiedendo di raggiungerlo presso l’abitazione di Nola.
 
Dopo il suo rifiuto, il 44enne  è andato su  tutte le furie, minacciandola di rompere tutto e dare fuoco alla casa. Il fermato, su disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica  di Nola, è stato  condotto  presso le Camere di attesa della Questura di Napoli ed oggi è stato giudicato con rito direttissimo. Il Giudice ha convalidato l’arresto e applicato all’uomo la misura cautelare degli arresti domiciliari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore