Nola, caso di tubercolosi nell’ Istituto superiore Albertini .

Redazione

NOLA - L’allarme è scattato da diversi giorni, ma soltanto stamattina gli insegnanti e gli alunni di classe saranno sottoposti ai dovuti controlli. Ad essere affetta dalla temibile malattia è un’alunna di seconda attualmente ricoverata presso l’ospedale Policlinico di Napoli.

E’ paura a scuola,   soprattutto è polemica circa il fatto che la scuola non sia stata sottoposta a disinfettazione dei locali frequentati da migliaia di alunni provenienti anche dai comuni vicini. Si teme che il contagio possa espandersi coinvolgendo anche altri studenti. Attualmente però la situazione è sotto controllo e non sono stati segnalati altri casi.

Intanto stamattina n
ella seconda dove è scoppiato il caso tutti i compagni di scuola con il personale docente saranno sottoposti ad analisi e controlli. Nel caso in cui dovesse essere riscontrato qualcosa di anomalo scatterà la profilassi per tutti gli studenti.

La tubercolosi è una delle più temute malattie del XIX secolo, fu l’ottava causa maggiore di morte infantile tra 1 e 4 anni nel corso del 1920. Con il miglioramento del tenore di vita e dell’assistenza sanitaria l’incidenza della TBC diminuì, dal 1960 non figurava nemmeno tra le prime 10 cause di morte nei gruppi di bambini di qualsiasi età.

Oggi la tubercolosi ha segnato un inaspettato ritorno negli Stati Uniti e nel resto del mondo occidentale. Si attendono ora i risultati delle analisi e si invitano i genitori a non preoccuparsi perché al momento non sono stati registrati altri casi simili

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore