Nola, carenze Pronto Soccorso: ripartono i lavori

Vincenzo Esposito

NOLA – E' arrivata al Pronto soccorso di Nola la visita  del nuovo commissario dell’Asl 3 NA Sud, Antonietta Costantini, che di persona voleva constatare le diverse criticità oggetto di lamentele negli ultimi mesi. Ne è venuto fuori il quadro che già era stato delineato attraverso le denunce, i rapporti fotografici, con i quali vi abbiamo raccontato di un Pronto Soccorso “nuovo”, ma immediatamente sotto la lente d’ingrandimento per problemi di carattere strutturale:
 
dal pavimento ricco di falle, al problema all’impianto condizionatore causa di perdite all’interno dello stesso pronto soccorso (nel caso specifico c’era da scegliere tra “temperatura ottimale” e “perdite”); fino alla camera d’ingresso alle autoambulanze per la quale si erano registrati problemi nell’impianto di tiraggio dell’aria.
 
Il neo-commissario ha potuto ispezionare la struttura, accompagnato da medici, dal sindaco di Nola Geremia Biancardi oltre che dal deputato Pd Massimiliano Manfredi che nei mesi precedenti aveva chiesto immediato intervento al fine di risolvere una situazione di forte disagio (impensabile per l’utenza).

Un disagio del quale si è registrata anche una carenza di personale; da quello relativo allo stesso Pronto Soccorso, di cui abbiamo parlato negli scorsi giorni, fino al nuovissimo reparto di emodinamica, funzionante a singhiozzo per carenza di risorse umane. Partiranno immediatamente i lavori con il quale si auspica sia data dignità ad una struttura di fondamentale importanza per l’intero territorio. 

“Emodinamica, sale operatorie, reparti da ristrutturare, pronto soccorso: abbiamo segnalato al nuovo commissario dell'Asl Napoli 3 Sud – le parole del primo cittadino Geremia Biancardi - tutto ciò di cui il nostro ospedale ha bisogno ricevendo rassicurazioni sulla celerità degli interventi. Fiduciosi ma non abbasseremo la guardia”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Vincenzo Esposito >>




Articoli correlati



Altro da questo autore