Un omicidio scuote Marigliano: accoltella il compagno e tenta il suicidio

Nicola Riccio

Dramma familiare. La donna, che non voleva rassegnarsi alla separazione dal compagno, è stata trovata esanime e con profonde ferite a entrambi i polsi.

MARIGLIANO – Marigliano sotto shock. Brusco risveglio per la cittadina mariglianese , che oggi deve fare i conti con un dramma familiare. L’ennesimo. Nei giorni della triste notizia dell’aggressione di Leandra, il nolano viene scosso nuovamente.
 
La tragedia si è consumata ieri sera poco dopo le 23:00. I fatti sono accaduti al secondo piano di una palazzina ubicata in via Campanella, la seconda traversa della più conosciuta via Giannone. Una donna accoltella il compagno dal quale non voleva separarsi. 
 
Una furia omicida che ha portato, Anna Cozzolino, 37enne,mariglianese di adozione ma originaria di San Giorgio, a colpire nel sonno l’uomo, Mariano Cannava, un 37enne Sergente Maggiore dell’Aeronautica Militare in servizio a Roma – Centocelle,  ma originario del Comune di Scisciano.  
 
La donna , subito dopo l’omicidio, ha tentato di togliersi la vita tagliandosi le vene. È stata trasportata d’urgenza al nosocomio di Nola ,  dove è stata operata. Non è in condizioni gravi.
 
All’interno dell’abitazione della violenza, u personal computer ancora acceso  è stato trovato dai carabinieri di Marigliano, agli ordini del comandante Raffaele Di Donato e da quelli della Compagnia di Castello di Cisterna,agli ordini del comandante Tommaso Angelone, intervenuti sul posto  .  Sul luogo dell’omicidio è stata, inoltre, trovata anche una bustina contenente hashish.
 

Ennesimo dramma familiare, ennesima violenza che finisce , stavolta, con la morte dell’uomo, un militare che lascia un figlio di quattro anni nato da un precedente matrimonio.  

( Giuseppe Monda / Nicola Riccio)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Nicola Riccio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore