Marigliano, di nuovo vandali alla Stazione Utopia

Carla De Felice

MARIGLIANO - Nuovi tristi episodi di vandalismo  ai danni dell'area pubblica stazione Utopia. Ignoti hanno svitato, spaccato e spostato le panchine e non soddisfatti hanno danneggiato l'impianto di irrigazione dell'ospedale delle piante "Chico Mendes", aiuola di platani.

Dure le parole dei ragazzi del collettivo Utopia, che da sempre si impegnano per proteggere e rendere viva quell'area:  “perché l'ex stazione della vesuviana nel dicembre 2013 era un luogo abbandonato, pieno di monnezza, frequentato da nessuno, tranne da chi sversava e da qualche gatto morto e improvvisamente è diventata il passatempo di alcuni che, forse con la stessa capa, ma con metodi diversi, contrastano in modo continuo chi ha ridato dignità a quel luogo?"

"Diciamo - proseguono i ragazzi in un comunicato stampa - che Stazione Utopia non è di proprietà di nessuno e quindi è di tutti e che da dicembre 2013 è ridiventata un'area pubblica e, in quanto tale, và difesa dagli attacchi dei privati, dei vandali e dei nostalgici.
Uno spazio pubblico che accoglie e non respinge, un'area in continuo movimento, un laboratorio sociale per chi oltre la sosta, cerca l'incontro, lo scambio e propone nuove modalità di gestione del proprio territorio.
Questa è la nostra proposta!"
 
L'ultima domanda dei giovani è diretta all'ingegnere Domenico Monda, che qualche mese fa aveva installato delle telecamere che puntavano direttamente all'area pubblica "ha visto qualcosa dalle telecamere che dal suo castello puntano direttamente sull'area pubblica?” 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore