Concorsone scuola: ecco le anticipazioni!

Anna Filannino

Via la preselettiva!

I docenti sono in fermento, il prossimo concorsone stabilirà le sorti della loro carriera professionale. Il Miur ha deciso che  solo i docenti in possesso dell’abilitazione potranno partecipare alle selezioni contentendosi il tanto agognato posto a tempo indeterminato.

 

Ma quali saranno le modalità selettive?  Ci saranno molte novità, prima fra tutte quella dell’eliminazione della prova preselettiva; il quiz zone – che tanto ha fatto disperare i concorrenti dell’ultimo bando 2012 voluto dal Ministro Profumo – sarà eliminato; ciò è previsto per i docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado.

 

Se i colleghi della secondaria tirano un sospiro di sollievo,  gli insegnanti della primaria e dell’infanzia chinano il capo perchè su di loro pesa l’ombra della tanto temuta preselettiva. A giocare a loro svantaggio è l’eccessivo numero di partecipanti (laureati in scienze della formazione primaria e diplomati magistrale entro l’anno 2001/2002); il quizzone è indispensabile per sfoltire la fitta schiera dei concorrenti.

 

Un’altra novità – non di minore importanza – sarà l’abbandono delle prove cartacee, lo scritto verrà svolto su supporto informatico al fine di testare le conoscenze possedute dai concorrenti anche in tale ambito. La buona scuola – quella della Lim, della didattica inclusiva, dei docenti professionisti – non  può esistere senza operatori capaci di sfruttare appieno le potenzialità educative esistenti. I docenti dovranno “parlare” il linguaggio dei loro alunni, i nativi digitali, per toccare le corde giuste e promuovere il successo formativo di tutti.

 

Queste sono le linee guida ma, ovviamente, saranno i ricorsi promossi dai vari sindacati – che già si stanno adoperando per trovare fedeli adepti – a ridisegnare il progetto selettivo e a modificare il numero dei partecipanti a danno di chi è in possesso dei requisiti per l’ammissione alla procedura concorsuale.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore