Nola, operazione decoro urbano: rimosse 55 fioriere

Vincenzo Esposito

NOLA - Alcune creavano intralcio alla libera circolazione dei pedoni, soprattutto a quelli con problemi di mobilità, altre invece, erano state sistemate abusivamente: la polizia locale ha rimosso dal territorio cittadino 55 fioriere proseguendo così nell’attività  di ripristino della vivibilità e del decoro a garanzia di una città più bella ed agibile.
 
Le cassette per le piante erano sistemate ovunque, perfino davanti alle chiese oltre che in prossimità di attività commerciali ed abitazioni. In sostituzione delle fioriere rimosse, laddove espressamente previsto, si procederà ora all’istallazione di dissuasori di ghisa sistemati in modo da non costituire un  ostacolo per chi si sposta a piedi. Intanto, come annunciato dal comandante della polizia locale Luigi Maiello che porta avanti l’operazione in collaborazione con l’assessorato al decoro urbano retto da Cinzia Trinchese, è stata già avviata la mappatura della segnaletica e dei marciapiedi, il tutto sempre nell’ottica di una città più ordinata e funzionale alle esigenze di tutti.
 
“Bisogna guardare il territorio prima di tutto con gli occhi di chi ha difficoltà negli spostamenti”, ha sottolineato Maiello mentre l’assessore Trinchese ha ribadito la  determinazione dell'amministrazione comunale nel perseguire l’obiettivo di una Nola più bella ed ordinata: “E’ cominciando anche dall’attenzione ai particolari che – ha spiegato – si infonde la cultura del rispetto della cosa pubblica oltre che dei risvolti positivi che tutti avranno se ognuno concorrerà a rispettare le regole ed i diritti di tutti”.

“Siamo certi – ha assicurato il sindaco Geremia Biancardi – che alla fine del nostro percorso anche chi oggi storce il naso si renderà conto che lavoriamo nell’interesse di tutti per migliorare le condizioni della nostra città a favore di chi ci abita e di chi la visita”.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Vincenzo Esposito >>




Articoli correlati



Altro da questo autore