Casalnuovo, emergenza cani abbandonati

Redazione

CASALNUOVO - Cani abbandonati. Scatta l'emergenza a Casalnuovo. Sono numerosi gli amici a quattro zampe abbandonati da persone incivili e senza sensibilità. Ogni giorno gli animali che vagano per le strade della città abbondano. A farla da padrone sono l' insensibilità e la mancanza di amore. Perchè nessuno fa niente per loro?A chiederselo è Martina Travino, una ragazza di Casalnuovo, che insieme ad altri amici si prende cura di questi poveri cani che non hanno un destino facile nelle strade indifferenti della sua città.

Costretti a vagare da via in via per procurarsi cibo e trovare una persona di buon cuore che si prenda cura di loro. Martina ha scritto un commovente racconto dove ci parla di questi suoi amici urbani che spesso si trovano . a fare i conti con le aggressioni di chi li ritiene ospiti sgraditi. Tra la cecità di questa Casalnuovo c' è Bianca, una meticcia di Labrador rimasta sola da quando il suo padrone è morto. Da allora Martina e altri residenti cercano di prendersi cura di lei portandole del cibo e assicurandole un tetto. Martina se l'è portata a casa per un periodo per curarla. L' 'ha fatta visitare ed è venuto fuori che in questa maledetta terra dei fuochi anche Bianca è vittima dell'inquinamento. Ha una serie di tumori che le hanno procurato diverse ferite.

Bianca ha ricevuto tutte le cure necessarie. Ci sono poi Pacho, Argo, Rochy e tanti altri che vivono nei pressi della stazione Circumvesuviana, dietro al cimitero, nei pressi di via San Marco, nelle cosiddette palazzine. e a Vico San Giacomo. Insomma li trovi un poco dappertutto questi poveri cagnoliini che hanno dovuto imparare ad imporsi per difendere i propri spazi. Molti cani come Bianca sono stati maltrattati, tenuti in cattività. che poi fa pandan con cattiveria, Poi c'è la storia di quel povero Dalmata investito nei pressi della scuola frequentata da Martina, "I ragazzi d'Europa". Martina ricorda i suoi occhi dolci.

Storie tristi quelle dell'amico fedele dell'uomo che trovano nello stesso 'uomo il volto più becero della non fedeltà. La ragazza invoca che si corra ai ripari e che si garantisca un rifugio ai cani vagabondi che devono essere curati con amore e affetto: molti di loro sono malati e non possono rimanere abbandonati ad un destino di morte precoce. "Io voglio o bene al mio cane e non lo abbandonerei per nessuna ragione al mondo. I cani sono come i bambini", dice Martina che invoca aiuto per loro.

Foto di archivio

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore