Nola, Comitato difesa Acqua Pubblica: “Liquidare la Gori è possibile”

Vincenzo Esposito

-FOTO-

NOLA – Una battaglia che viene da lontano quella del Comitato Civico per la Difesa del Diritto all’Acqua, sostenitore da oltre 10 anni della volontà di pubblicizzazione del servizio idrico culminata nell’incredibile risultato del 2011, nella volontà popolare espressa con un referendum mai rispettato.
 
Elezioni regionali alle porte, l’iniziativa lanciata dal Comitato quella relativa alla sottoscrizione, da parte dei candidati al consiglio ed alla Presidenza della Campania, di un impegno formale volto alla condivisione delle ragioni alla base della battaglia storica.
 
“Gli effetti di questo tipo di gestione sono sotto gli occhi di tutti; aumento delle tariffe, ore di fila allo sportello con non sempre riscontri positivi in termini di possibilità di risposta, partite pregresse, distacchi di contatori; ora ripropongono la favola delle fogne a Piazzolla. Oggi chiediamo un impegno preciso nei confronti dei cittadini; rispettare la volontà espressa attraverso la democrazia. Non si parla di fantascienza, liquidare la Gori è possibile. Basta tutelare i personaggi che continuano a speculare sul bene pubblico: nomi e partiti sono noti a tutti”.
 
Hanno partecipato Costanza Boccardi (Sinistra al Lavoro - Vozza), Valeria Ciarambino (Movimento 5 Stelle), Salvatore Iacomino (Sinistra al Lavoro - Vozza), Regina Milo (Partito Democratico - De Luca), Raffaella Mauro (Partito Democratico - De Luca), Francesco Pizzella (Centro Democratico - De Luca).

Sottolineata nel finale la necessità di maggior impegno da parte della cittadinanza, troppo spesso dormiente rispetto a questioni importanti per il territorio. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ambiente300x600-2
test 300x250
In Evidenza
test 300x250