Comiziano, indirizzi per la VAS

Redazione

Indirizzi operativi e procedurali per lo svolgimento della Valutazione Ambientale Strategica ( acronimo: VAS) per piani e programmi.

COMIZIANO - La Valutazione Ambientale Strategica ( acronimo: VAS) non è altro che un processo finalizzato ad integrare considerazioni di natura ambientale nei piani e programmi che possono avere un impatto significativo sull’ambiente ha la finalità di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente e
contribuire all’integrazione di considerazioni ambientali all’atto dell’elaborazione, dell’adozione
e approvazione di detti piani e programmi assicurando che siano coerenti e contribuiscano alle
condizioni per uno sviluppo sostenibile.

La funzione d
ella valutazione ambientale strategica (VAS) è, dunque, quella di contribuire
all’integrazione di considerazioni ambientali all’atto dell’elaborazione e dell’adozione di piani e
programmi allo scopo di evitare i potenziali impatti significativi e negativi sull’ambiente prima
della loro definitiva elaborazione.
La Valutazione Ambientale è effettuata durante la fase di predisposizione del piano o
programma sin dall’inizio e ne deve influenzare in maniera sostanziale i contenuti
ottenendo che nel p/p siano integrate le considerazioni ambientali ossia che siano adottati
anche obiettivi di sostenibilità ambientale, siano identificati, descritti e valutati gli impatti
significativi che le azioni previste nel p/p potrebbero avere sull’ambiente e sul patrimonio
culturale, siano considerate le ragionevoli alternative che possono adottarsi in considerazione
degli obiettivi e dell’ambito territoriale del p/p stesso.

Non bisogna confondere la Valutazione Ambientale Strategica ( acronimo: VAS) con la Valutazione di Impatto Ambientale ( acronimo: Via).
La Vas attiene alla valutazione degli effetti ambientali che è prevedibile conseguiranno dalla attuazione delle previsioni dei piani e programmi.
La Valutazione di Impatto Ambientale( acronimo: Via) è autorizzazione preventiva ed espressa
da acquisire prima della autorizzazione finale alla realizzazione di ogni singolo progetto.
La VAS è obbligatoria per piani e programmi che possono avere impatti significativi
sull'ambiente e sul patrimonio culturale e che sono elaborati per la valutazione e gestione della
qualità dell’aria, per i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti,
della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione
La VAS costituisce parte integrante del procedimento di approvazione dei piani e programmi a
cui si applica. Una volta conclusa la fase di VAS l’autorità competente, sulla base dell’istruttoria
svolta e delle consultazioni emette infatti un parere motivato e obbligatario, con eventuali
osservazioni e condizioni. L’autorità procedente (ossia quella preposta all’adozione e
approvazione del piano o programma) deve provvedere alle opportune revisioni del piano o
programma sulla scorta di quanto indicato nel parere motivato. Le norme riconoscono così il
carattere cogente del parere VAS rispetto al piano o al programma, nel procedimento istruttorio
nel quale si integra condizionandone i risultati.

Piani e programmi sono tutti gli atti e provvedimenti di pianificazione/programmazione, nonché
le eventuali loro modifiche, previsti da norme legislative o regolamentari o amministrative e la
cui adozione compete ad autorità statali, regionali o locali.

I PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI APPROVAZIONE DEI PIANI E PROGRAMMI PER I QUALI È PRESCRITTA LA VAS ( VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA) SONO ANNULLABILI PER VIOLAZIONE DI LEGGE QUALORA TALE PROCEDURA NON SIA STATA SVOLTA CONTESTUALMENTE AL PROCEDIMENTO DI ADOZIONE E APPROVAZIONE DEGLI STESSI O IN ASSENZA DELLA STESSA.
La disciplina della VAS contenuta nel Codice Ambiente (D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152, così come modificata e integrata dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 e dal D. Lgs. 29 giugno 2010, n. 128) consiste di principi fondamentali entro i quali deve muoversi il legislatore regionale sia per individuare piani e programmi diversi rispetto a quelli genericamente indicati dal Codice da sottoporre a VAS sia per scandire le procedure applicative della VAS sullo sfondo però della disciplina generale del procedimento amministrativo contenuta nella Legge 241/90 nonché nelle diposizioni del Codice.
In base, infatti, all’articolo 7 del Codice Ambiente le Regioni con proprie leggi e regolamenti:
disciplinano le proprie competenze e quelle degli enti locali;
individuano l’autorità competente sulle procedure della VAS nonché le regole procedurali per il rilascio del parere motivato di VAS;
individuano i criteri per la partecipazione al procedimento dei soggetti competenti in materia ambientale;
definiscono, compatibilmente con la normativa comunitaria e nazionale, ulteriori modalità per l’individuazione dei piani e programmi o progetti da sottoporre a VAS.
delimitazione dell’ambito di applicazione della VAS per specifiche tipologie di piani e programmi semplificazione temporale e procedurale.
In Campania, le norme di dettaglio sono contenute in un regolamento e in alcune delibere di Giunta nonché, da ultimo, nel regolamento di attuazione della legge regionale sul governo del
territorio.

Le norme in vigore:

 LR n. 16 del 22/12/2004 – art.47 (come mod. dalla LR 1/2011, art. 2)
 DGR n.834 dell'11/5/2007
 DGR n.426 del 14/3/2008
 DPGR n.17 del 18/12/2009 Regolamento attuativo VAS
 DGR n. 203 del 5/3/2010 indirizzi operativi e procedurali
 DGR n. 41 del 4/7/2011
 Circ. esplicativa del 15/4/2010 in merito all'applicazione di alcune diposizioni dei regolamenti regionali in materia di valutazione ambientale
 DGR n. 406 del 4/8/2011 Disciplinare organizzativo delle strutture regionali preposte alla VIA, VI e VAS
 Reg. reg. n. 5 del 4/8/2011 Regolamento di attuazione per il governo del territorio – art. 2
 sostenibilità dei piani
 Circ. esplicativa dell’11/10/2011 in merito all'integrazione della valutazione di incidenza nelle VAS di livello comunale.
L'art.47 della legge urbanistica regionale, come modificato dalla LR 1/2011) stabilisce che i piani
territoriali di settore ed i piani urbanistici devono essere accompagnati dalla VAS la quale deve
essere svolta durante la fase di redazione dei piani.
La DGR 834/2007, individua gli elaborati da allegare agli strumenti di pianificazione territoriale
ed urbanistica, generale ed attuativa precisando che le procedure valutative devono concludersi
entro sessanta giorni dal deposito del Rapporto ambientale con la emissione di un giudizio di
compatibilità ambientale.
Il Regolamento di attuazione della VAS (DPGR 17/2009) fornisce specifici indirizzi in merito
all’attuazione regionale delle disposizioni inerenti la VAS sui seguenti aspetti: ambito di
applicazione della procedura e sue possibili deroghe; criteri per l’individuazione dei soggetti
competenti in materia ambientale chiamati a partecipare al processo di VAS; autorità
competente ecc..

Per quanto riguarda innanzitutto piani e programmi sottoposti a valutazione ambientale
strategica il Regolamento rinvia alle previsioni dell’articolo 6 del D. Lgs. 152/2006 (Codice
Ambiente) nonché all’art. 37, comma 4, in base alle quale, in caso di piani e programmi
gerarchicamente ordinati, sia regionali che degli enti locali, si deve tenere conto delle
valutazioni sugli effetti ambientali già svolte per i piani e programmi sovraordinati nonché di
quelle che possono meglio essere svolte sui piani e programmi di maggior dettaglio.
Il Regolamento contiene un elenco dettagliato di piani e programmi esclusi dalla VAS:
1. i Piani attuativi approvati in conformità al Piano urbanistico comunale PUC) già dotato, a sua
volta, di tale valutazione;
2. i Piani attuativi che non contengono un’area e non rientrano in un’area protetta o in una
zona di protezione speciale ecc.
3. i Piani attuativi di riqualificazione urbanistica e/o architettonica, così come stabiliti per
norma o in previsione dello strumento urbanistico comunale;
4. i Piani attuativi in aree già urbanizzate con una superficie di intervento inferiore ai 5 ettari
per una destinazione residenziale pari almeno al 50% dell’area di intervento, purché non
ricadano nelle fasce costiere e fluviali;
5. le varianti ai PUC o ai PRG che non comportano modifiche alle destinazioni d’uso delle aree,
alle norme tecniche di attuazione del piano, alla distribuzione dei carichi insediativi ed alla
dotazione degli standard;
6. le varianti relative alle opere pubbliche;
7. le varianti obbligatorie di adeguamento a norme e piani sovraordinati, in caso di esclusivo
recepimento di indicazioni normative, ivi comprese le varianti di esclusivo adeguamento al Piano
di assetto idrogeologico -PAI-;
8. le varianti parziali formate e approvate, non riguardanti interventi soggetti a procedure VIA,
che non prevedono la realizzazione di nuovi volumi, se non ricadenti in contesti già edificati,
ovvero che riguardano modifiche non comportanti variazioni al sistema delle tutele ambientali
previste dallo strumento urbanistico vigente o che non interessano aree vincolate nonché ambiti
sottoposti a misure di salvaguardia e protezione;
9. i piani stralcio, i piani di assestamento forestale, i piani di coltura e i piani dei tagli redatti
secondo i criteri della gestione forestale sostenibile.

I piani e programmi attuativi dei processi generali di programmazione e pianificazione devono
essere sottoposti a VAS esclusivamente nel caso in cui si rilevi un effetto significativo
sull’ambiente che non sia stato precedentemente considerato dagli strumenti sovraordinati,
ovvero nel caso in cui questi ultimi facciano rinvio agli atti attuativi per taluni necessari
approfondimenti, ovvero nel caso in cui negli esiti del procedimento di VAS degli strumenti
sovraordinati se ne faccia specifica richiesta.
In sede di procedimento l’autorità competente e quella procedente individuano, tra quelli
elencati in maniera non esaustiva all’art. 3 del Regolamento, i soggetti competenti in materia
ambientale da consultare.
In merito alla validità temporale delle nuove disposizioni, una norma di chiusura del
regolamento precisa quanto segue.

I procedimenti amministrativi per l’approvazione di piani e programmi, avviati precedentemente
al 31 luglio 2007 e previsti dal Titolo II della legge regionale n.16/2004, sono assoggettati a VAS
secondo le disposizioni della legge regionale n.16/2004. Per i procedimenti avviati tra il 31 luglio
2007 e il 12 febbraio 2008, si applica la disciplina del Codice Ambiente come pubblicato nella
Gazzetta ufficiale del 14 aprile 2006, n.88.
Per i procedimenti avviati successivamente al 13 febbraio 2008, si applica il Codice Ambiente
come modificato dal D. Lgs. n. 4/2008.
Per data di avvio del procedimento di programmazione o pianificazione deve intendersi la data
di emanazione del primo atto formale in cui l’autorità procedente manifesta i contenuti, anche
preliminari, di un determinato piano o programma.
Si evidenzia che le disposizioni contenute nel nuovo Regolamento sono applicate anche a tutti i
procedimenti non ancora conclusi all’atto della sua pubblicazione (21/12/2009).
Con la delibera 203/2010 la Giunta ha emanato gli indirizzi operativi e procedurali per lo
svolgimento della VAS.
Oltre a fornire alcune indicazioni riepilogative di ordine generale sul meccanismo di
funzionamento della VAS la delibera interviene poi per singoli aspetti a definirne i contenuti e il
corretto ambito di applicazione. Inoltre, sono stati predisposti degli schemi esemplificativi
sull’integrazione della procedura di VAS nell’ambito del procedimento di formazione degli
strumenti urbanistici di cui alla LR n. 16/2004.
Si ribadisce tra le altre cose che nella valutazione di piani e programmi gerarchicamente ordinati
o funzionalmente collegati è necessario tenere in debito conto le valutazioni e gli esiti delle VAS
condotte ai vari livelli amministrativi.

L’autorità competente ad adottare il provvedimento di VAS per i piani e programmi previsti dalla
LR n. 16/2004 è stata individuata nella Regione. In particolare per i piani di competenza
regionale è competente il Settore” “Tutela dell’Ambiente, disinquinamento” dell’AGC05
“Ecologia, Tutela dell’ambiente, disinquinamento, protezione civile; per gli altri piani e
programmi previsti dal Titolo II della LR 16/2004 le funzioni relative alla redazione del rapporto
ambientale sono svolte dalla struttura Staff VAS dell’AGC 16 “Governo del territorio”.
Il Regolamento regionale 5/2011, di attuazione della legge sul governo del territorio, ha fornito
un nuovo assetto di competenze in materia di VAS trasferendo, infatti, ai Comuni il ruolo di
autorità competente per i piani di relativa spettanza.
Il Regolamento 5/2011 precisa a tal fine che l’ufficio ambientale competente in materia VAS
dovrà essere obbligatoriamente diverso da quello avente funzioni in materia urbanistica ed
edilizia.

Infine, per i Comuni al di sotto dei cinquemila abitanti, tutte le funzioni in materia VAS possono
essere svolte in forma associata con altri comuni, come anche i Comuni aventi popolazione
superiore, ma che non siano in condizioni di garantire l’articolazione funzionale come previsto
dal regolamento stesso.
FINALITA’ DEL DOCUMENTO
Scopo del presente lavoro è quello di dare un valido contributo agli operatori del servizio nonché ai cittadini circa le modalità di attuazione della VAS, al fine di individuarne così le peculiarità nonché per evidenziare eventuali criticità, onde ottenere una uniformità procedurale e dei “ buoni risultati ”.


Franco Giuseppe Nappi


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Angelo Bruscino
test 300x250
In Evidenza
test 300x250