Marigliano, rischio sismico e vulcanico

Redazione

MARIGLIANO -   Si è tenuta presso l’Aula Consiliare del Comune di Marigliano, in data 8 Marzo 2014,  una Conferenza dal Titolo “Rischio Sismico e Vulcanico nell'Area Vesuviana”. I tre relatori del convegno, tra le maggiori autorità italiane nel campo della sorveglianza sismica e vulcanica e della Pianificazione strategica, sono stati il Prof. S. Gresta Presidente dell’INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il Prof. F. Venerando Mantegna del Consiglio Scientifico dell'ISPRA-Ministero Ambiente e Direttore generale di MARIS, l’Assessore ai Lavori Pubblici e Protezione Civile della Regione Campania Prof. E. Cosenza. Il convegno è stato preceduto da indirizzi di saluto del Prefetto S.E. Scalia in qualità di Commissario del Comune di Marigliano, dell’On. Paolo Russo e del Presidente della V Zona Lions, G. Meo.

Ha concluso il convegno il Presidente di II Circoscrizione A. Quartuccio. Moderatore del convegno Francesco Del Litto Presidente del Club di Marigliano. Un folto pubblico di cittadini ha seguito con grande interesse i lavori, tra cui gli studenti delle scuole medie e superiori. Il prof F. Venerando. nel proprio intervento, avvalendosi di dati storici, ha evidenziato la necessità di una pianificazione territoriale e urbanistica in relazione al rischio sismico e vulcanico. Cita, a tal proposito, la migliore funzionalità di una città a pianta ortogonale rispetto ad una città di tipo medioevale, in quanto la prima consente una migliore gestione dei servizi ed un più facile esodo in caso di emergenza. Sposta poi l’attenzione sugli edifici in muratura mettendo in evidenza le loro possibili fragilità e dando, perciò, utili indicazioni di natura tecnica per il loro rafforzamento come strumento di prevenzione. Ha ancora evidenziato il lavoro di pianificazione strategica, cioè l’integrazione di studi , azioni e informazioni per il comportamento in caso di emergenza.

Il prof. Mantegna ha illustrato il progetto Vuelco finanziato dalla Commissione Europea finalizzato al miglioramento della gestione delle crisi vulcaniche: il progetto coinvolge dieci partner europei e latino-americani tra cui università, istituti di ricerca scientifica e il dipartimento della protezione civile italiana.
Il prof Stefano Gresta ha illustrato l’attività dell’INGV nei vari campi della ricerca italiana. Essa si svolge in nove sezioni e numerose sedi distaccate, avvalendosi di reti strumentali di monitoraggio e di ricerca di laboratori analitici e sperimentali e di calcolatori e banche dati. Ha parlato delle tecniche di monitoraggio, rassicurando i presenti sul livello di tranquillità del Vesuvio, affermando che in caso di eruzione i segnali precursori annunciano l’evento con un tempo che va da poche ore ad alcuni giorni.

Ha concluso i lavori del convegno l’Assessore Regionale ai Lavori Pubblici, Protezione civile, Difesa del suolo, Geotecnica, Geotermia, Cave e torbiere della Campania, prof. ing. E. Cosenza; professore ordinario di Tecnica delle Costruzioni presso l’Università di Napoli Federico II dal 1994 oltre che Professore Associato in Strutture Prefabbricate presso l’Università di Napoli Federico II nel 1992.soffermandosi sul problema dell’enorme espansione urbana dell’area metropolitana di Napoli, la quale impone una politica di limitazione e riqualificazione del territorio. Ha anche evidenziato alcuni aspetti positivi dell’attività vulcanica, come, la presenza di acque minerali e termali di cui è ricco il territorio vesuviano e flegreo, realtà che non ha eguali al mondo.

Ha illustrato, inoltre, il grande lavoro svolto da enti ed istituti coinvolti nella perimetrazione della nuova zona rossa evidenziandone i criteri alla base delle scelte. Ha fatto presente i gemellaggi, cioè, i paesi dove ciascun paese della zona rossa è destinato in caso di evento, spiegando che su indicazioni tecnico-scientifiche del proprio assessorato regionale la regione Campania ha stanziato varie risorse finanziare per fronteggiare questi rischi.
A seguito dell’interesse mostrato da alunni e professori partecipanti al convegno si vedrà, in collaborazione con l’INGV, di favorire visite guidate presso l’Osservatorio Vesuviano di Napoli.


Giovanna Giaquinto

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore