Saviano, dissequestrata la Cisternina

Redazione

SAVIANO - Il Magistrato non conferma i sigilli all'ex complesso residenziale Cisternina di Saviano. La struttura che versa nel degrado più totale e che nel frattempo è stata trasformata in una discarica di rifiuti speciali, con ratti che sguazzano sopra la spazzatura, era stata sequestrata il 12 febbraio scorso dalla Polizia Provinciale. Da ieri mattina, invece, il cartello di apposizione dei sigilli è stato eliminato e con esso è stato spezzato anche il nastro che era stato posto per interdire la struttura e metterla a disposizione della magistratura per effettuare tutti i rilievi del caso.

Insomma quel complesso di case, che rappresenta il simbolo più eclatante dello sperpero di denaro pubblico e del fallimento delle politiche abitative dei meno abbienti è una vera e propria maledizione. "Persino la giustizia viene messa con le spalle al muro", tuonano gli ambientalisti. Nelle settimane scorse, infatti, il delegato all'Ambiente del Comune di Saviano, Luigi Cappella e il presidente di Assocampania Felix, Gennaro Esposito si erano recati sul posto insieme alla Polizia Provincale per effettuare un'ispezione e un sopralluogo alla luce dei continui sversamenti di rifiuti che avvenivano indisturbati quotidianamente.

Inimmaginabile lo scenario che si presentò ai loro occhi: un vero e proprio scempio. Nel complesso di proprietà del Comune di Napoli furono rinvenuti amianto, scarti di autocarrozzeria, carcasse di auto e tonnellate di rifiuti di ogni genere tra cui anche guaina bituminosa. Intanto è arrivata la doccia fredda.

Il magistrato non ha convalidato il sequestro in quanto ha considerato che il reato denunciato è configurabile nella fattispecie dell' abbandono incontrollato di rifiuti, per cui manca la prova che i rifiuti siano stati sversati da titolari delle imprese. Il che significa che non scatterà nessuna inchiesta a carico delle auto carrozzerie della zona e delle aziende presumibilmente inquinanti. .

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore