Marigliano, rom sorpresi a scartare rifiuti sul Lagno Frezza

Redazione

Utilizzavano un fugone e un 'auto sprovvisti di assicurazione.

MARIGLIANO -  Si pensava che fossero inquinatori e invece erano rigattieri alla ricerca di materiali e oggetti da riciclare e rivendere. La GEV Albatros distaccamento di Acerra, agli ordini del vice comandante regionale Dell'Ermo Tommaso, con convenzione di Vigilanza Ambientale, attivata dall'ex assessore Giovanni Marino e sostenuta  dall'attuale Commissario Prefettizio, Vittorio Zappalorto,  ha sorpreso, ieri mattina alle ore 12:00,   tra i rifiuti sul lagno Frezza delle persone di nazionalità straniera con un furgone e un 'auto pieni di rifiuti.

Immediato è scattato l'allarme. Sul posto è intervenuta la Polizia Municipale, capitanata dal nuovo comandante, Armando Giuntoli, che ha generalizzato e ha condotto nel comando di Polizia Municipale per i dovuti controlli i presunti inquinatori.Tutto, infatti, faceva pensare che stessero sversando rifiuti: almeno era questo quello che aveva riscontrato la Gev Albatros, durante il proprio giro di perlustrazione su uno dei luoghi più a rischio sversamento illeciti: il lagno Frezza appunto, che era stato anche bonificato dalla Provincia.

 Il comandante Giuntoli, invece, ha riscontrato che si trattava di un'intera famiglia di rom,  che stava scartando tra i rifiuti materiale da vendere in qualche mercatino delle pulci. Intanto però l'auto e  il furgone utilizzati erano sprovvisti di assicurazione e  sono stati dunque posti sotto sequestro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Napoli Club Marigliano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250