Pomigliano d'Arco, Piazza Mercato: salva la movida

Redazione

Accordo tra l’Amministrazione comunale ed i commercianti: da questo weekend una sperimentazione per scongiurare i problemi legati alla movida.

POMIGLIANO D'ARCO - Finalmente è arrivato l’accordo, che ha soddisfatto tutti, cittadini, commercianti, Associazioni e Amministrazione Comunale per non danneggiare gli esercizi commerciali e i giovani frequentatori di Piazza Mercato e della Movida pomiglianese. La questione si trascinava da mesi, dopo una petizione firmata da duecento cittadini e indirizzata al sindaco, alla Procura e all’Asl: documento dal quale si evinceva l’esistenza di schiamazzi fino all’alba, di inquinamento acustico e ambientale, di impossibilità per i residenti non solo di riposare nelle ore notturne ma addirittura di non poter rientrare in casa propria a causa del consistente numero di auto parcheggiate su passi carrabili e dinanzi alle abitazioni.

Oggi, dopo una lunga riunione, con toni pacati e sereni, è stato sancito l’accordo tra i commercianti di piazza Mercato e l’Amministrazione guidata dal sindaco Lello Russo. Il sindaco Russo aveva ipotizzato, se la situazione non fosse cambiata, di firmare un’ordinanza che disponesse la chiusura dei locali nei weekend. Ma la riunione di questa mattina in Municipio, alla quale hanno preso parte il sindaco, gli assessori Caprioli e Mazia e il presidente del consiglio comunale Maurizio Caiazzo, con una delegazione di sette esercenti dei locali della movida in piazza Mercato, ha portato ad un accordo: già dal prossimo weekend partirà una sperimentazione.

Queste le norme che dovranno essere attuate e le regole da rispettare. La piazza, come le strade adiacenti, non sarà accessibile alle auto dalle ore 22:00 fino alle ore 4:00 del mattino, tranne che per i residenti. Per gli avventori dei locali ci saranno i parcheggi nelle adiacenze: nei pressi della piscina comunale e nei pressi della Circumvesuviana. Tutto ciò sarà disposto da un’ordinanza sindacale.
Dopo dieci giorni di sperimentazione l’Amministrazione Comunale valuterà l’ipotesi di un concorso economico per disporre il servizio di polizia municipale in zona (in base alla legge 449 del 1997, lo straordinario della polizia locale potrebbe essere pagato in parte dai commercianti e in parte dall’Amministrazione comunale).

“Il problema esiste e non l’abbiamo mai negato – dice Francesco De Falco, uno degli esercenti che questa mattina ha preso parte alla riunione e siamo soddisfatti della disponibilità mostrata dal sindaco e dall’Amministrazione comunale che come noi vuole risolvere nell’immediato la questione”. “Ritengo che si sia imboccata la strada giusta – dice il sindaco Russo – con l’unico intento di normalizzare la situazione. Monitoreremo i nuovi accorgimenti concordati con i commercianti e valuteremo se si riveleranno efficaci, in caso contrario l’unica soluzione sarebbe comunque la chiusura dei locali”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore