Nola, sequestrata una maxi discarica abusiva

Redazione

 NOLA - Gli agenti del distaccamento di Nola della Polizia Provinciale, capitanati dal ten. Andrea Valente, hanno portato a termine un’operazione in materia di tutela dell’ambiente che ha permesso di sottoporre a sequestro una maxi discarica abusiva.
I poliziotti nel corso dei servizi di controllo ambientale del territorio, hanno individuato un’immensa area dove veniva accumulato materiale inquinante proveniente da demolizioni di fabbricati, rottami ferrosi, legno, rottami di autoveicoli e motocicli, guaine bituminose, pneumatici fuori uso, attrezzature varie in disuso, televisori, frigoriferi e altri ingombranti, numerosissimi stracci, 50 bidoni per il bitume, targhe automobilistiche, numerose caldaie e stufe utilizzate per la lavorazione del catrame, materassi, poltrone, sedie, ed ogni altro tipo di rifiuto.

Gli agenti, consapevoli di dover arginare l’illegalità ambientale, hanno posto in essere un’efficace azione volta al monitoraggio delle zone del comprensorio ritenute a forte rischio di inquinamento.
Nell’ambito di tali attività ed a seguito di penetranti indagini investigative è stata sequestrata, in località ex rione GESCAL di Nola, una terreno di proprietà degli IACP, adibito a discarica priva di autorizzazione per l’accumulo e lo smantellamento del materiale e dei rifiuti speciali che si estendeva per una superficie complessiva di circa 10.000 mq.

Per evitare un peggioramento della situazione si è proceduto al sequestro ed avvio delle procedure per la relativa bonifica, al fine di ripristinare l’originario stato dei luoghi.
Il responsabile e gestore della discarica, sig. N.C., è stato denunciato a piede libero all' Autorità Giudiziaria che ha immediatamente convalidato il sequestro.
Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare i titoli autorizzativi in materia edilizia dei capannoni e di un immobile di circa 40 mq. insistenti nell' area interessata

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore