Brusciano, l’Unesco promuove la Festa Dei Gigli

Silvia Giustiniani

BRUSCIANO - La Festa dei Gigli tenutasi a Brusciano fino a pochi giorni fa continua a far parlare di sé. Questo perché essa va ben oltre la tradizione, e lo ha dimostrato in particolar modo quest’anno. Infatti, proprio in occasione della sua 138esima edizione, si sono avuti ben due scambi culturali. Abbiamo già parlato nei giorni scorsi del gemellaggio con la Giglio Society del quartiere newyorkese di East Harlem, i cui cittadini di origini bruscianesi ballano da oltre 100 anni il Giglio di Sant’Antonio da Padova. Ma oltre ad esso, è opportuno ricordare una nuova alleanza, quella con la “Pastellessa” di Macerata Campania, rappresentata dal Gruppo di Bottari “Suoni Antichi”, diretto dal maestro Raffaele Piccirillo.

La Pastellessa ha avuto modo di farsi conoscere con il Comitato Gigli Amici del Parulano il 22 agosto, grazie soprattutto al lavoro di Vincenzo Capuano, rappresentante dell’Associazione di Macerata Campania “Sant'Antuono & le Battuglie di Pastellessa”, e ad Antonio Castaldo. La festa, come tutti ben sapranno, è stata un vero e proprio successo, al quale hanno certamente contribuito l’Amministrazione Comunale, la Chiesa con le Comunità parrocchiali, le Forze dell’Ordine ed infine le Associazioni dei Gigli: Amici del Parulano, Amici di Sant’Antonio, Croce, Gioventù, Ortolano e Passo Veloce.

Intanto l’ Intangible
Cultural Heritage Network (ICHNet) dell’UNESCO ha segnalato il “Cultural twinning between Brusciano and Macerata Campania 21/27-08-2013 Brusciano (Italy), proprio in favore di questa iniziativa. Si legge: “Gemellaggio culturale tra Brusciano e Macerata Campania 21/27-08-2013 Brusciano (Italia) - In occasione del decimo anniversario della Convenzione per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale, adottata dalla Conferenza Generale dell'UNESCO a Parigi e all'interno dell'iniziativa ICHNet «Culture Viventi» - nel corso della 138esima edizione della "Festa dei Gigli" a Brusciano - le comunità italiane di Brusciano e Macerata Campania stabiliranno un gemellaggio culturale. Questo gemellaggio stabilisce una partnership tra queste comunità, al fine di collaborare per la sostenibilità, la difesa e la tutela della loro diversità culturale e del patrimonio culturale immateriale. Le esperienze di tradizioni come le "Battuglie di Pastellessa" di Macerata Campania (culto di S. Antonio Abate) e i "Gigli" di Brusciano (culto di S. Antonio da Padova), oltre alla diversità culturale ed etnica delle comunità, verranno confrontate al fine di creare politiche di sostenibilità”.

Insomma, per Brusciano la Festa dei Gigli è più di una semplice tradizione popolare. Essa oramai è diventata per la cittadina un’occasione per far conoscere il proprio nome nel mondo e soprattutto per poter tutelare, attraverso questi scambi culturali, il proprio patrimonio.

Silvia Giustiniani

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Silvia Giustiniani >>




Articoli correlati



Altro da questo autore