Nola, Gigli: polemica lettera contro l’Amministrazione

Redazione

Comitato: prima completate la Festa 2012!

NOLA - Polemica lettera del Comitato “Riprendiamoci La Festa”. “Prima Completate la festa 2012. Avete fatto il capodanno nolano, avete fatto una grande presentazione e avete alzato le borde dei Gigli, ma ancora non vi siete resi conto che la Festa dei 
Gigli 2012 non è mai stata completata. La Barca e gli ultimi 4 Gigli, per molti
di noi, sono ancora rimasti fermi lì all'ingresso del Vicolo”.

Queste sono le  parole del Comitato “Riprendiamoci La Festacon cui inizia una dura lettera contro l’Amministrazione comunale per la Festa dei Gigli. Pubblichiamo per intero la   lettera giunta in redazione.


- Prima Completate La Festa 2012 -

Avete fatto il capodanno nolano, avete fatto una grande presentazione e avete
alzato le borde dei Gigli, ma ancora non vi siete resi conto che la Festa dei
Gigli 2012 non è mai stata completata. La Barca e gli ultimi 4 Gigli, per molti
di noi, sono ancora rimasti fermi lì all'ingresso del Vicolo.

Più di 1400 persone l’anno scorso hanno firmato la petizione del comitato
“Riprendiamoci La Festa”. Più di 1400 persone avevano chiesto al Sindaco di
fermarsi un attimo prima di andare avanti, di riflettere sulle cause della
sospensione e di lavorare insieme a tutta la cittadinanza per la tutela della
festa.

Ad oggi, ancora non si è capito molto di quello che è successo la mattina del
25 giugno 2012. Il Sindaco Geremia Biancardi sostiene che il fuggi fuggi
generale, che ha provocato 15 feriti, sia stato creato da un tappo di una
bottiglia di spumante. Diversi testimoni, invece, sostengono che sia nato in
seguito ad un colpo sparato in aria da un agente delle forze dell'ordine per
sedare la rissa in corso.

Il piano di sicurezza dalla Protezione Civile suggerisce la creazione di vie
di fuga, punti di ritrovo e un sistema di video sorveglianza per le emergenze,
ma a 2 settimane dall’inizio della processione dei Gigli, il piano deve essere
ancora approvato.

Da un lato, si sopravvalutano le responsabilità della Fondazione dei Gigli,
che tra l’altro non si sa ancora bene come funzioni (è una fondazione privata o
pubblica?). Dall’altro, si sottovalutano le colpe di quella classe politica
nolana che ha voluto la fondazione e che poco a poco sta rinunciando a gestire
tutti i beni pubblici della città.

Per Nola non vale nemmeno più il detto gattopardiano del "tutto cambia,
affinché nulla cambi". A Nola, semplicemente, si fa finta che nulla sia
successo.


Comitato “Riprendiamoci La Festa”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



MM_Mariano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250