Castello di Cisterna, sbloccati i fondi per il Comune

Redazione

L’Amministrazione Comunale di Castello di Cisterna ha finalmente ricevuto dei fondi regionali per rilanciare il paese.

CASTELLO DI CISTERNA - Una buona notizia per Castello di Cisterna, il piccolo centro abitato limitrofo alla sempre viva cittadina di Pomigliano d’Arco, ha finalmente la possibilità di mostrare la sua rinnovata carta d’identità: sono stati finalmente sbloccati i fondi regionali per dare nuovo slancio al paese attraverso opere di riqualificazione, creazione e supporto ai cittadini.

È il vicesindaco Giosafatte Nocerino, che ci illustra un po’ il tutto: “Il primo progetto riguarda la riqualificazione del centro sociale che è nel parco Enrico de Nicola ( ex 219), dove al centro dell’ attenzione vi è l’integrazione dei cittadini da troppo tempo discriminati a causa dello scarso impulso integrativo e partecipativo. L’oggetto dell’operazione non si limita alla semplice ripresa della struttura ma mira a supportare i cittadini del luogo, cercando di dare con l’apporto di alcune cooperative sociali dei veri sostegni alle famiglie disagiate. Lo scopo principe dell’ iniziativa è spianare la strada allo studio per vivere una vita più consapevole, e che faciliti la partecipazione”.

I fondi elargiti dalla regione Campania per questo obiettivo così ambizioso ammontano a 200.000 euro. L’inizio dei lavori è previsto per il 2014. Il secondo progetto di cui ci parla l’assessore alle Politiche Sociali e di tutt’altro genere, cioè la ristrutturazione della scuola materna Grazia Deledda, l’importo di questo secondo progetto e di 90.000 euro. Il cantiere vedrà la luce entro i prossimi mesi. “Questa manovra sostenuta dalla Regione Campania, riesce ad aggirare i vincoli del patto di stabilità interno, che – rimarca il vicesindaco - guarda solo al fattore economico e ci  costringe a rinunciare agli investimenti su temi importanti come l’edilizia scolastica”.

Il terzo progetto messo sul tavolo, non meno importante degli altri, è la realizzazione di un campo di calcio a cinque all’ interno della scuola: l’ idea di fondo è di usare lo sport come strumento di legalità.

“ L’intento, infatti, - continua il vicesindaco Giosafatte Nocerino - è quello di dare agli studenti del circolo didattico De Gasperi, e non solo, la possibilità di fare sport cercando così di supportare ulteriormente le fasce meno abbienti. Il titolo dell’ iniziativa è “Io gioco legale” intitolato al maresciallo Coletta morto nella strage di Nassiria: l' inizio dei lavori è previsto entro fine 2014. Questo tipo di struttura darebbe la possibilità di espressione anche a ragazzi che praticano il calcio a cinque, un esempio è il Cisterna Futsall che da diverso tempo lamenta la mancanza di luoghi dove poter esprimere la loro voglia di sport. La struttura avrebbe comunque bisogno di un Ente no profit che se ne occupasse, e questo team locale potrebbe essere un ottima risorsa affinché si possano raggiungere ottimi risultati. In un periodo di crisi come quello in cui versa l’Italia dal 2008 sembra quasi impossibile sentir parlare di investimenti, ma nonostante ciò l’Amministrazione Sorrentino è riuscita ad ottenere dei risultati”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore