Marigliano, Pontecitra: via gli abusivi!

Redazione

Linea dura del Comune: sfratto immediato di 12 appartamenti

MARIGLIANO - Via gli occupanti abusivi delle case popolari. Con ordinanza sindacale è stato ordinato lo sfratto immediato di 12 appartamenti occupati abusivamente da parte di nuclei familiari non aventi diritto. Si tratta di case occupate per la maggior parte tra il 2010 e il 2011 nel rione Iacp di Pontecitra. Due appartamenti, invece, risultano abitati già dal 2001.

Il Comune passa alla linea dura rendendo esecutiva una comunicazione dell'Istituto Autonomo di Case Popolari, che intende entrare in possesso degli appartamenti di sua proprietà L'ordinanza, firmata dal sindaco Antonio Sodano, è stata trasmessa anche ai vigili urbani, ai carabinieri, all'Asl e al responsabile dell'ufficio patrimonio, Andrea Ciccarelli. Si tratta di ripristinare la legalità in un settore dove negli anni sono state numerose le persone che in barba alla legge hanno forzato le porte d'ingresso insediandosi indebitamente all'interno.

Anche nel rione 219 la situazione è la stessa. Per cercare di mettere ordine nella questione, il Palazzo di Città, dando corso ad una legge regionale, ha dato la possibilità a tutti i detentori di alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà del comune, che alla data del 31-12-2009 risultavano sprovvisti del titolo di assegnazione di mettersi in regola. Lo stesso percorso avrebbero dovuto seguire anche gli occupanti degli alloggi di edilizia popolare, che avrebbero dovuto presentare l'apposita istanza di regolarizzazione presso l'Iacp entro il 26 luglio del 2012.
Ovviamente tutti coloro che hanno preso possesso degli appartamenti dopo il 2009 restano esclusi dalla sanatoria.

Un'illegalità diffusa a cui si sta cercando di porre un argine anche combattendo contro i furti di energia elettrica alla rete comunale del rione 219 con collegamenti abusivi. Il Pd, attraverso il consigliere Sebastiano Sorrentino denuncia: "L'Amministrazione Comunale paga centomila euro di energia elettrica all'anno per gli occupanti delle case di edilizia popolare 219, mentre ne dovrebbe pagare solo poche migliaia di euro per il funzionamento degli ascensori".

Stesso discorso per il pagamento degli affitti la cui voce è completamente passiva. Il Comune dovrebbe riscuotere circa 200 mila euro e invece nelle casse del Palazzo di Città arrivano solo 10 mila euro all'anno. Il caso è stato anche sollevato alla Corte dei Conti.
Foto di archivio

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore