Alla Certosa di Padula rinasce il roseto certosino

Redazione

Il reimpianto inserito nella manifestazione “ROSANTICO natura, bellezza, gusto, profumi tra paestum padula e velia”

SALERNO - Sarà presentato, il 15 aprile 2013, dalla Soprintendenza BAP di Salerno e Avellino, diretta da Gennaro Miccio, il reimpianto del roseto certosino della Certosa Padula, nel quadro d’insieme del progetto di riqualificazione funzionale del Complesso monastico più vasto e suggestivo d’Europa. L’iniziativa si inserisce nell’ambito della manifestazione “ROSANTICO natura, bellezza, gusto, profumi tra paestum padula e velia” organizzata, dal 23 marzo al 31 ottobre 2013, dalla Soprintendenza Archeologica di Salerno, Bn, Av e Ce. 

La Certosa di Padula, fondata nel 1306, riconosciuta dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità nel 1998, nel 2002 è stata inserita dalla Regione Campania nel novero dei Grandi Attrattori Culturali, si estende su un’area di 51000 mq tra spazi coperti, chiostri ed aree verdi, ed è il simbolo della continua osmosi tra vita contemplativa e vita vissuta, tra ascetismo e creatività.

Il monumento è visitabile dalle 9:00 / 19:30 (ultimo ingresso alle ore 19:00). Chiusura settimanale il Martedì (intera giornata). L’ingresso è gratuito per tutti i cittadini appartenenti all’Unione Europea, di età inferiore ai 18 anni e superiore ai 65, per disabili e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria .
L’ingresso gratuito è consentito anche a particolari categorie di studenti o insegnanti (architettura, storia dell’arte,ect.). Il biglietto, pari a 4 €, è ridotto del 50% per i giovani di età compresa tra i 18 anni e i 25 anni così come per gli insegnanti di ruolo nelle scuole statali italiane. L’ingresso, invece, al parco della Certosa è gratuito.
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore