Marigliano, il Comune contro gli inquinatori

Redazione

Ordinanza contro inquinatori: no a polisterolo e a cellophane

MARIGLIANO - Pugno di ferro contro le pessime abitudini di agricoltori e titolari di serre che abbandonano selvaggiamente contenitori in polistirolo e cellophane. Il Comune, per scongiurare anche i roghi di questi materiali altamente inquinanti, ha varato un'ordinanza con cui il sindaco, Antonio Sodano, annuncia che i trasgressori saranno multati e sanzionati, a norma di legge.

A monitorare il territorio saranno i vigili urbani e la task force ambientale varata dal Palazzo di Città. Il fenomeno ha assunto delle proporzioni così vaste che il Comune è dovuto scendere direttamente in campo. Occhi puntati, soprattutto su via Antica e Nuova del Bosco.

Nel frattempo sono stati colti in flagranza di reato degli inquinatori. A coglierli con le mani nel sacco, sul lagno Frezza, già sottoposto a sequestro giudiziario, sono stati il coordinatore delle guardie ambientali, Mattia Conelli e l'assessore, Giovanni Marino che ha allertato il consigliere Michelangelo Mocerino, da sempre sensibile verso le tematiche ambientali e promotore di un protocollo ecologico.

Sul posto è intervenuto il comandate dei carabinieri della locale stazione, Raffaele Di Donato, che in virtù della segnalazione, ha individuato e bloccato degli extracomunitari mentre sversavano sulle sponde del lagno dei rifiuti di varia natura. I carichi inquinanti erano su un auto e un triciclo.

I tre sono stati identificati e denunciati. Il lagno Frezza era già finito nell'occhio del ciclone a causa di centinaia di carcasse di cani ritrovate sulle sponde dell'alveo. Un cimitero di animali, una mattanza dove complice la collocazione periferica gli untori hanno facile accesso. Ora però partono dei controlli serrati.
 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore