Napoli, Verdi: palazzo Reale orripilante

Redazione

Verdi ecologisti: " mobilitazione per fermare il degrado del palazzo Reale simbolo della Napoli che non funziona. Finestroni della facciata riverniciati in modo disarmonico con tinte diverse di bianco creano un effetto orripilante". ( foto ) -------------------

NAPOLI - "Non si può più tollerare lo stato di degrado del Palazzo Reale di Napoli - accusano il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli ed il capogruppo al consiglio comunale di Napoli Carmine Attanasio - interdetto ai pedoni ma non alle macchine. Porteremo all' approvazione del consiglio comunale un ordine del giorno per la salvezza del monumento oramai ridotto in uno stato indecente simbolo pubblico suo malgrado della città che non funziona. Non solo è incredibile che un sito del genere venga totalmente recintato ed interdetto ai pedoni per la caduta di calcinacci a causa della pioggia ,segno dello stato decadente in cui si trova, ma che nessuno della Soprintendenza si preoccupi dello stato indecente in cui si trova la facciata.

Infatti i finestroni e gli infissi sono per metà rotti e vecchi e per l' altra metà risistemati e riverniciati tutti in modo disarmonico con tinte diverse di bianco. L' effetto esterno è orripilante. La facciata è a chiazze. Addirittura alcuni infissi delle finestre sembrano di alluminio bianco. Insomma un disastro estetico e visivo. Per non parlare del fatto che si continua a permettere l' uso del Palazzo Reale come scandaloso parcheggio per privilegiati".

"Noi chiediamo
al neo Soprintendente Cozzolino - concludono Borrelli e Attanasio - di intervenire con grande determinazione per arrestare questo degrado infinito anche facendo ruotare i dirigenti che da troppi anni ricoprono gli stessi ruoli con questi risultati inaccettabili. In ogni caso abbiamo chiesto di sapere quale ditta ha realizzato l' ultimo restauro della facciata esterna del sito monumentale e chi ha il compito di sostituire o verniciare gli infissi e le finestre del Palazzo".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore