Marigliano, Nappi: al Comune ci sono i fantasmi

Redazione

Il consigliere Michele Nappi presidente della Commissione Controllo e Garanzia denuncia la sparizione di importanti documenti

MARIGLIANO - Al Comune di Marigliano spariscono i documenti destinati agli uffici. A denunciarlo quindici giorni fa tramite lettera scritta è stato il presidente della Commissione Controllo e Garanzia, Michele Nappi, dopo che è venuto a conoscenza che gli uffici competenti del Palazzo di Città non sapevano della nota inviata dall'Autorità di Vigilanza dei Contratti Pubblici, che ha letteralmente definito illegittimo l'affidamento alla società Beghelli "Un modo di luce a costo zero".

Il Comune, infatti, avrebbe dovuto varare la gara d'appalto e non procedere in maniera diretta, senza contare poi che già era stato approvato un contratto di manutenzione con la ditta Gemmo che si era impegnata ad offrire lo stesso tipo di servizio. E' questo quanto denuncia Nappi.

"Una comunicazione, quella dell'autorità di vigilanza che implicava - incalza il presidente della Commissione Controllo e Garanzia - la rescissione del contratto in modo da ripristinare la legalità". E' sparita invece la nota trasmessa dall'autorità di vigilanza con posta certificata al protocollo pec del comune, alle ore 11:45 del 20 luglio e successivamente inviata con lettera raccomandata. Il documento non c'era al Palazzo di città.

"Ci sono i fantasmi al Comune - dice Nappi - dobbiamo chiamare gli acchiappafantasmi". Sempre secondo Nappi dal Comune è sparita anche una busta relativa alla partecipazione di una ditta ad una gara d'appalto contenente 500 euro per le spese previste per concorrere al bando.

Anche nel settore Ecologia le cose non vanno meglio.  Sempre secondo il presidente della Commissione Controllo e Garanzia, è sparito il risultato di un lodo arbitrale che prevedeva che la ditta Bruscino dedita alla raccolta rifiuti che ha lavorato per il Comune dal '96 al 2000 restituisse una somma ricevuta in eccedenza di circa 779 mila euro.

Il responsabile dell'ufficio contenzioso Pasquale Cerciello in una risposta inviata a Nappi chiarisce: "Le carte sono sparite dall'ex sede al terzo piano del Comune, l'unico dato ufficiale di cui c'è traccia è che la ditta dovrebbe restituire solo circa 330 mila euro”. Michele Nappi, però, esibisce il documento, varato nel 2008 dal Palazzo di città con tanto di protocollo,   con cui si esigeva la restituzione di oltre 700 mila euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore