Marigliano, lavori abusivi al convento di San Vito

Redazione

Bloccati i lavori per la sistemazione del piazzale del complesso monumentale di San Vito martire dalla Soprintendenza

MARIGLIANO -  La Soprintendenza blocca i lavori di sistemazione del piazzale del complesso monumentale di San Vito martire. Le opere realizzate sul cosiddetto “hortus claustralis” sono abusive e il progetto non ha mai avuto l'ok degli Uffici del Ministero per Beni Culturali. Insomma quel contestatissimo progetto di restyling non è mai arrivato negli Uffici dei tecnici di Palazzo Reale per una valutazione preventiva.

L’area interessata è infatti un significativo bene culturale e ambientale di Marigliano. Si tratta infatti del giardino monastico che un tempo cingeva il rinascimentale complesso di San Vito. Quel sito definito dagli esperti con il nome di “paradisum claustralis”, per le sue caratteristiche paradisiache è chiaramente visibile nelle antiche mappe di Rizzi – Zannoni della fine del XVIII secolo e nelle carte topografiche del Regno di Napoli del 1810.

Insomma una vera e propria oasi di storia, natura e spiritualità, che fermo restando gli sforzi di chi si è prodigato per cercare di dare decoro al sagrato dell'insula monastica, rischia di essere sfregiata se i lavori non vengono seguiti e controllati passo passo dagli esperti. Perchè non informare la Soprintendenza?

Anche gli architetti che non hanno avuto la possibilità di dire la loro circa la progettazione dei lavori del bene culturale sono meravigliati: “Non è la prima volta che la Soprintendenza interviene a San Vito per bloccare i lavori. Bisogna fare più attenzione al rispetto delle leggi”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore