Marigliano, un successo il convegno sui giovani

Nicola Riccio

MARIGLIANO - Aula gremita e grande partecipazione al convegno che si è tenuto ieri 26 maggio presso l’Aula Consiliare del Comune di Marigliano dal titolo: “Tempi moderni. Giovani, Mode, Luoghi Comuni, Falsi Miti”.

La cittadinanza è accorsa numerosa al richiamo dell’Amministrazione che voleva far luce sulle dinamiche del disadattamento giovanile. Presenti i ragazzi di alcuni istituti locali che hanno affollato con estrema partecipazione la sala, dando così un senso profondo alle parole spese dagli intervenuti.
Il Comune di Marigliano , da sempre e sempre più attento al disagio giovanile , scende ancora una volta in campo con dei momenti di sensibilizzazione sul tema del bere consapevole.

Un risultato importante – ammette soddisfatto Giuseppe Allocca , assessore alla Polizia Municipale del Comune di Marigliano - un risultato estremamente significativo quello emerso da questa 2 giorni sulla sicurezza stradale. Ieri sera abbiam avuto modo di sperimentare il rapporto che i giovani hanno con l’alcool, andando per strada , fuori i locali mariglianesi, sporcandoci le mani per studiare il fenomeno e trovare una risposta. Abbiamo somministrato ai nostri ragazzi degli alcool test ed abbiam iniziato a sfatare un mito, un falso mito. Ovverosia abbiam dimostrato che con un semplice bicchiere certamente non si sfora il limite previsto dalla normativa… Mi auguro e ci auguriamo che i nostri figlioli sviluppino un rapporto ponderato,strutturato e maturo con l’alcool".

E questa linea segue anche il convegno di stamane moderato da Vittoria Russo, della Polizia Municipale di Marigliano . L’obiettivo che gli organizzatori si erano prefissati era di capire Il rapporto dei giovani con le insicurezze dei nostri tempi, con particolare riferimento alla sicurezza alimentare ed al bere responsabilmente . Il sindaco Sodano, il comandante della Polizia Municipale Caliendo , il comandante della locale stazione dei Carabinieri Di Donato hanno preceduto l’intervento di Ottavio Cagiano De Azevedo, direttore generale di Federvini, la più importante associazione che raggruppa i produttori di vino.

” Esaltare il bere responsabile – dice - significa avvicinarsi al vino in modo nuovo, diverso, in modo maturo. Significa abbracciare una nuova politica che ponga le sue basi sin dalla formazione scolastica. La scuola, infatti, potrebbe e dovrebbe rappresentare per il ragazzo la prima palestra per carpire i segreti del bere e per capirne i limiti. Tramite il vino si vuole anche e soprattutto promuovere la cultura dell'appartenenza ad un territorio, le radici storiche riferite alla produzione dei beni e le attività locali che producono ricchezza economica. Un modo nuovo di vivere la società basandoci su tradizioni vecchie".

Antonio Corbo, giornalista di Repubblica, Nico P, rappresentante della discoteca Dolce Vita di Salerno, Paolo Romano, docente alla Link Campus University si sono susseguiti lasciando poi la parola all’Onorevole Paolo Russo che , da Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei deputati, affronta la tematica della valorizzazione del territorio come volano di cultura e d’economia.

Durante la manifestazione vi è stata la consegna ai ragazzi della Scuola Media Dante Alighieri e del Liceo Colombo, che hanno seguito il corso per il conseguimento del “patentino”, di un casco protettivo omaggio così a suggellare la primaria e precipua volontà dell’Amministrazione Sodano : la sicurezza.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Nicola Riccio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore