Il ricordo di Sebastiano

Redazione

 MARIGLIANO - Carissimo Sebastiano, mai avrei voluto scrivere parole per ricordare la tua persona, ma mi stai talmente vicino, nella mente e nel cuore, che non ne posso fare a meno. Comincio con le stesse con le quali la nostra preside, così affranta, ti ha salutato in chiesa:” Caro Sebastiano! ci manchi e ci mancherai”.

Di te ci mancherà tutto: innanzitutto, l’esempio, il tuo attaccamento al lavoro è stato sempre encomiabile, sei venuto a scuola, nonostante le tue sofferenze; la tua professionalità, dovunque sei stato sei diventato un punto di riferimento per i colleghi; le tue competenze nel campo normativo, tutti, ma proprio tutti si rivolgevano a te per avere chiarimenti, per sapere come comportarsi, per avere certezze su diritti e doveri.
Ci mancheranno i tuoi buondì o ‘buongiorgio’, con i quali ti presentavi a scuola o in classe.
Ci mancheranno i tuoi interventi nel collegio dei docenti, sempre precisi e puntuali; le tue sollecitazioni a partecipare a questo o a quel progetto; le tue istanze a tutela di tutte le categorie dei lavoratori della scuola.

Di quante attività, di quante iniziative sei stato il promotore instancabile, il coordinatore attento; merito tuo è stato l’ avere a scuola un giornale , l”Ego Sum” con il quale sono stati vinti tanti premi; tanto hai fatto per l’informatizzazione nella scuola; ti sei sempre battuto affinchè le scuole dove tu hai insegnato fossero al passo con i tempi e i colleghi un po’ più aggiornati.
Tutti quelli che ti hanno conosciuto hanno un mare di ricordi a te legati, io mi porterò dietro il rispetto reciproco, la stima l’uno per l’altro, la pacatezza con la quale ci confrontavamo sulle problematiche legate al nostro lavoro.

Dopo Sara e Luigi, questa volta è toccato a te; vi immagino già tutti e tre a discutere in un consiglio di classe; Sara con la sua dolcezza, Luigi con la sua ironia, tu con la tua severità, solo ostentata. Caro Sebastiano, mi piacerebbe sapere quale questione stai impostando con il nuovo dirigente; stai attento! Questo è uno tosto, uno che “tutto sa e tutto può”. Se dovessi vederlo nervoso, offrigli un buon caffè, non quello della pubblicità, quello napoletano di cui tu eri un gran cultore.

Carissimo Sebastiano, ero intenzionato a ricordare ad entrambi tutte le attività che ci hanno visti coinvolti negli anni del tuo insegnamento nel corso B, ma è preferibile tenercele per noi. Grazie Sebastiano; grazie , in primis, a nome degli alunni a cui tu tanto hai dato e per i quali tanto ti sei speso; grazie a nome dei colleghi e di tutto il personale della scuola; grazie a nome della dirigente.

Prof. Caliendo Giovanni.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore