Saviano, sarà abbattuto il “platanus orientalis”

Redazione

Domani (giovedì 10 febbraio) sarà abbattuto il “platanus orientalis”, il secolare frasso sito alla confluenza tra Corso Italia e Via Roma. Costituisce pericolo per la pubblica e privata incolumità. Al platano infatti, a seguito di apposita indagine tecnica fitosanitario, è stata attribuita la classe “D” di rischio: staticamente ad alto rischio di schianto o caduta.

SAVIANO – Sarà abbattuto domani mattina da una ditta specializzata, in quanto costituisce pericolo per la pubblica e privata incolumità, il “Platanus Orientalis”, il secolare frasso sito alla confluenza tra Via Roma e Corso Italia, adiacente all’edificio scolastico Maria di Piemonte. A seguito di un’indagine tecnica sullo stato fitosanitario e statico del Platano, commissionato all’agronomo Emilio Ciccarelli, “è stato verificato e quantificato l’entità dei danni causati da fattori biotici, mediante la classificazione FRC (Failure Risk Classification) con attribuzione di rischio “D”, ossia pianta che dai difetti morfologici e strutturali riscontrati viene ascritta alla categoria staticamente ad alto rischio di schianto e caduta ed ogni intervento di risanamento o messa in sicurezza risulterebbe vano”. Da qui la decisione del Comune di abbattere il platano in quanto costituisce “pericolo per la pubblica e privata incolumità”.

<<La presenza di alberi monumentali rappresentano la storia stessa di un territorio e il platano quella della popolazione di Saviano – dice il Commissario Straordinario Gabriella D’Orso - dopo però aver riscontrato che ogni intervento di risanamento o messa in sicurezza sarebbe risultato vano, a malincuore siamo stati costretti ad adottare una decisione che non avremmo mai voluto intraprendere>>.
Domani dunque l’abbattimento anche in vista dell’inizio delle manifestazioni del carnevale che potrebbero aumentare i rischi di pericolo per la pubblica e privata incolumità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore