Marigliano: controlli su occupazione suolo pubblico e merce esposta

Redazione

L’operato della Polizia Municipale

MARIGLIANO  – Lotta all’occupazione abusiva di suolo pubblico ed esposizione di merce alimentare: una operazione che il Comando di Polizia Municipale di Marigliano sta conducendo da molto più di un anno.
La vicenda risale infatti al 2006 quando, nel corso dei controlli di routine, gli agenti di Polizia Municipale si ritrovarono a fare i conti con commercianti che sostenevano che il suolo occupato dalla merce in esposizione fosse privato. A quel punto il Comandante dott. Giuseppe Caliendo avviò una serie di verifiche presso i competenti Uffici Comunali per far chiarezza sulla situazione.

Risale poi al 14 maggio del 2010 la richiesta, da parte dell’agente di P.M. preposto ai controlli, di linee operative chiare da parte dell’Amministrazione Comunale, in particolare in riferimento all’annosa “questione fruttivendoli”. Nella stessa nota veniva trasmesso l’elenco degli esercizi commerciali che occupavano abusivamente il suolo pubblico, segnalando le difficoltà di gestione della questione che si presentavano da ormai più di due anni.
Con nota del 25 maggio 2010 lo stesso Comando avvertiva i Commercianti di Marigliano di un’intensificazione dei controlli e delle conseguenti attività repressive.

Contemporaneamente si attivava l’Amministrazione Comunale con l’adozione dell’Ordinanza n. 141 del 14/07/2010 con la quale vietava l’occupazione abusiva di suolo pubblico e l’esposizione della merce alimentare all’esterno dei negozi di vendita.
La Polizia Municipale, organo deputato alla vigilanza sull’applicazione dell’ordinanza, in un anno, ha più volte provveduto a contravvenzionare i commercianti inottemperanti sino all’atto estremo ossia l’invio alla competente Procura, in data 16/09/2011, delle copie dei verbali di contravvenzione e di otto notizie di reato ai sensi dell’art. 650 c.p. per inosservanza all’ordinanza sindacale n. 141/10. L’elenco dei commercianti inadempienti è stato prontamente inoltrato anche al Responsabile UOPC dell’Asl competente al fine di programmare un intervento congiunto per debellare il fenomeno.

Proprio grazie all’attività della Polizia Municipale e alle segnalazioni di recidiva, si è giunti all’adozione dell’ultima ordinanza in materia (n. 123 del 21/09/2011): un provvedimento contigibile ed urgente in materia di sicurezza urbana atto a contrastare con fermezza quei fenomeni di illegalità diffusa nonché a salvaguardare la salute pubblica, attraverso la temporanea inibizione di occupazione di suolo pubblico da parte dei titolari di esercizi commerciali con prodotti alimentari e non alimentari per la durata di mesi sei decorrenti dalla data di pubblicazione della suddetta ordinanza.

Sanzioni durissime per chi risulti inottemperante e controlli ancora più intensi. Ancora una volta i risultati sono stati raggiunti grazie ad un lavoro costante sul territorio, svolto dalla Polizia Municipale, che ha permesso l’adozione degli ultimi provvedimenti ed ha agevolato il lavoro di tutte le forze deputate al controllo.
Comunicato

  Discuti l'Argomento sul Blog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore