Denunciata la “banda dello specchietto”

Redazione

Incappati nelle spire dei Carabinieri della Compagnia di Vasto, non hanno avuto scampo i tre componenti della cosiddetta “Gang dello Specchietto”, che si inventavano finti incidenti stradali al fine di estorcere denaro alle loro vittime, quasi sempre selezionate con cura certosina. Quando l’automobile presa di mira passava nei pressi di quella dei tre manigoldi veniva toccata in modo tale che si sentiva un forte botto.

Dopo di che,
la vettura della vittima designata veniva avvicinata da quella dei truffatori, che presentava uno specchietto retrovisore rotto. A questo punto, con la paventata contestazione del danno, il gioco era fatto. I tre malviventi, che spesso si presentavo con fare da bulli, intimavano alla vittima di turno di risarcirli del danno subito, ricevendo ogni volta denaro contante da persone che avevano premura di evitare problemi ulteriori. Protagonisti del raggiro, che ha mietuto diverse vittime in tutto il Vastese, il 32enne G.M, il 24enne E.C. e il 26enne C.P., tutti di Casalnuovo di Napoli, ai quali è stato fatale l’ultimo finto clash veicolare.

Dopo aver sborsato
, in preda all’emozione del momento, 80 dei 100 Euro richiestigli dalla terna criminale campana, un automobilista vastese di 64 anni, è tornato in sé, comprendendo che mai e poi mai la sua utilitaria avrebbe potuto urtare quella dei tre ragazzi che gli si erano parati davanti con fare tra il risoluto e il minaccioso, e, in parole più chiare, che era stato vittima di un imbroglio. Ha deciso, dunque, di chiamare i Carabinieri, che, intervenuti prontamente, hanno quasi subito rintracciato la terna di furfanti partenopei e, bloccatoli e portata toli in caserma al fine di identificarli, li hanno denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di competenza.
Daniele Palazzo
 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore