Cimitile, preso affiliato al clan Di Domenico

Redazione

Arresto per detenzione illegale di armi da fuoco, munizioni e ricettazione

CIMITILE - I carabinieri del nucleo investigativo di Castello Di Cisterna hanno arrestato in flagranza di Nicola Palma, 40 anni, del luogo, , commerciante, ritenuto affiliato al clan Di Domenico, resosi responsabile di detenzione illegale di armi e munizioni, ricettazione e  possesso ingiustificato di valori aggravati dell’articolo 7 della legge Falcone.

 Durante perquisizione domiciliare eseguita nell’abitazione e nella pescheria del corso di sua proprietà, l’uomo e’ stato trovato in possesso di una pistola semiautomatica calibro 7,65 con matricola abrasa e 2 caricatori e di altra pistola semiautomatica calibro 7,65 con caricatore risultata rubata l’11.09.2006 a un 30enne di Camposano nonché di 94 cartucce calibro 7,65, 8 cartucce calibro 12, 7 cartucce calibro 9, 22 cartucce calibro 38 special, 10 cartucce calibro 357 magnum, una bomba carta, un rivelatore di frequenze per microspie e un giubbotto antiproiettile. Infine, 12.810 euro in denaro contante e assegni per 41.000 euro nonché 5 carte d’identità falsificate.

 Nel corso dell’operazione si è inoltre proceduto alla perquisizione della casa di Felice Librera, 39 anni, residente a Cimitile, arrestato per favoreggiamento personale in occasione della cattura del latitante Marcello Di Domenico. Nell’abitazione e’ stata rinvenuta una pistola semiautomatica calibro 9 con matricola abrasa e 39 cartucce.

 Le armi sono state inviate al Racis per gli accertamenti tecnico balistici di rito. L’arrestato e’ stato tradotto nella casa circondariale di Poggioreale.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250