Progressi per la nuova chiesa in via Rosanea

Redazione

Il Sindaco: sarà dotata di più sale disponibili per incontri

Sant’Anastasia – Abbattuta la vecchia vasca dell’acqua, si attende lo spostamento di una cabina elettrica, per proseguire i lavori nell’area che è, con sempre maggior sicurezza, destinata ad accogliere la nuova Chiesa di via Rosanea, che “servirà” la zona Ponte di Ferro. Gli annunci si susseguono, ormai, in tutte le sedi e si va chiarendo che oltre al luogo di culto l’Amministrazione comunale “metterà a regime le strade adiacenti, creerà una rotonda, affronterà il problema del sistema fognario che ora crea disagio. Siamo impegnati – dice il consigliere comunale Salvatore D’Auria – a risolvere i problemi di questa zona, dove verrà costruita la nuova Chiesa e varie sale da utilizzare a favore di anziani.

Di fronte abbiamo
la nuova scuola, è un posto centrale di una zona molto sviluppata, per cui vogliamo fare le cose per bene, investendo le risorse necessarie”. Il consigliere è sulla stessa lunghezza d’onda del Sindaco, Carmine Esposito, che, incontrando recentemente i giovani dell’A.C. locale, non ha voluto illudere i presenti con promesse, ma è stato chiaro sulla realizzazione della nuova Chiesa, con annessi locali di incontro, come illustrato in precedenza dall’ass. Giancarlo arch. Graziani. Si farà, con il beneplacito del Vescovo di Nola, del parroco don Davide D’Avino e dei cittadini. Il tutto nasce da un dialogo aperto tra il Sindaco, appena fu eletto, e mons. Beniamino Depalma, proseguito in via epistolare. In una sua missiva del 14 dicembre 2010 il sindaco scrive: “In questi ultimi anni si è imposta con particolare urgenza la necessità di provvedere alla riqualificazione dell’edificio parrocchiale di Maria SS. Immacolata al Ponte di Ferro….

I fedeli anastasiani di quella Parrocchia si ritrovano per il culto in Pomigliano d’Arco, in un edificio angusto e male ubicato rispetto alla dislocazione dei fedeli sul territorio nonché quasi prospiciente su una strada a scorrimento veloce. Esclusa pertanto la possibilità di intervenire su tale edificio, durante alcuni incontri” è stato stabilito “di individuare un’area per la costruzione di un complesso parrocchiale. Avendo ascoltato il parere degli esperti in urbanistica, avendo discusso la questione in giunta comunale si è pervenuti alla convinzione che è possibile concedere alla nostra Diocesi di Nola un appezzamento di terreno di circa 4.800 mq (la vecchia vasca comunale e terreno donato al comune – ndr) ubicato in via Starza Rosanea, di fronte al nuovo edificio scolastico recentemente inaugurato…
 
La costruzione della Chiesa Parrocchiale in quel luogo contribuirà alla riqualificazione dell’intera località del Ponte di Ferro a vantaggio dei fedeli, come di tutti i cittadini, coerentemente con le linee di indirizzo e di attività messe in essere dalla attuale giunta. Questa comunicazione ufficiale è il primo passo di un accordo tra il comune di Sant'Anastasia e la Diocesi di Nola al fine di procedere quanto prima alla fase progettuale e poi esecutiva del Complesso che, nel corso dei diversi anni, sarà finanziato in parte dalla Conferenza Episcopale Italiana (CEI), in parte dalla Curia e dalla Parrocchia stessa, in parte dal Comune…per rendere fruttuoso il servizio dell’una e dell’altro a vantaggio dei fedeli e della collettività tutta”.
Stando ai fatti la missiva ha avuto l’esito sperato, come confermano i lavori in corso e non è da escludere che tutta la zona intorno alla Chiesa sarà riqualificata, perché “la periferia – questa parola però non mi piace, afferma il sindaco – preferisco dire che questa zona del paese, ha diritto alla nostra attenzione. Per troppi anni hanno pensato al centro del paese, ora noi, con l’impegno dell’assessore arch. Graziani, stiamo progettando il futuro di questi luoghi”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore