Torre Del Greco, droga in hotel “su appuntamento”

Redazione

Arrestate 6 persone che spacciavano stupefacenti

TORRE DEL GRECO - Questa notte i carabinieri della compagnia di torre del greco hanno arrestato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti Giuseppe Suarato , 55 anni,  gia’ noto alle forze dell'ordine, attualmente agli arresti domiciliari, Assunta Palomba , 39 anni, del luogo, incensurata, Lucia Caruso , 51 anni, ritenuta vicina al clan "Falanga-Di Gioia", operante in zona,  Raffaele Esposito, 23 anni, incensurato,  Mirko Scotellaro, 24 anni,  gia’ noto alle forze dell'ordine, attualmente agli arresti domiciliari,  e Marco Bizzi , 22 anni, incensurato, destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare emessa il 4 gennaio dal gip di Torre Annunziata, di cui 3 in carcere e 3 agli arresti domiciliari.

L’operazione è frutto di indagini sviluppate dal novembre 2009 all’aprile 2010 dalla stazione dei carabinieri di Torre del Greco, condotte mediante intercettazioni telefoniche e supportate da cadenzati riscontri di polizia giudiziaria, che hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza in ordine all’articolata rete di vendita al dettaglio di stupefacente, posta in essere dagli indagati nel Comune di Torre del Greco.

L’attività investigativa, nel suo complesso, ha consentito di individuare il luogo dello spaccio che avveniva in un noto hotel del luogo; delineare i diversi ruoli svolti dagli indagati, che in maggior parte lavorano nella struttura alberghiera; accertare il modus operandi degli indagati, caratterizzato da un linguaggio cifrato conosciuto dagli acquirenti e da cessioni solo dietro appuntamento telefonico in orari e specifici luoghi di volta in volta pattuiti con i dovuti riscontri degli investigatori dell’Arma che hanno permesso di recuperare modiche quantità di stupefacente ed arrestare in flagranza di reato 2 soggetti, nonché identificare 15 acquirenti che sono stati tutti segnalati alla prefettura quali assuntori di sostanze stupefacenti.
Suarato, Palomba e Caruso sono stati tradotti nelle carceri di Poggioreale e Pozzuoli, mentre gli altri 3 sono stati accompagnati nelle loro abitazioni agli  arresti domiciliari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore