Brusciano, 30° anniversario della strage di Bologna

Redazione

Agosto 1980-2010. Fra le 85 vittime due cittadini bruscianesi: i coniugi Salvatore Lauro e Velia Carli.

Al Comune di Brusciano è giunto da parte dell’“Associazione tra i familiari delle Vittime della Strage alla Stazione di Bologna del 2 Agosto 1980” il manifesto che ricorda l’attentato terroristico che tanto dolore e morte ha lasciato.

Il Presidente Paolo Bolognesi così si rivolge al Sindaco, dott. Angelo Antonio Romano: “ Le invio., in occasione del 30° anniversario della strage alla stazione di Bologna del 2 Agosto 1980, il manifesto che la nostra Associazione ha fatto stampare per ricordare le 85 vittime e i 200 feriti. La nostra Associazione è impegnata in numerosissime iniziative per l’affermazione dei diritti delle vittime, della verità e della giustizia. Nella speranza che Lei sostenga la nostra battaglia civile, Le porgo i più cordiali saluti”.

Sul manifesto con l’immagine della lapide recante i nomi di tutti caduti sotto l’attentato terroristico, presso la sala di attesa della stazione di Bologna, si legge il telegrafico testo: “2 Agosto 1980-2 Agosto 2010. Strage fascista alla stazione di Bologna. 85 morti e 200 feriti. 30 anni di veleni contro le tante verità accertate. Di premi per gli assassini. Di mandanti ancora senza volto. Di segreti di Stato.”

Sulla lapide si possono leggere, fra gli altri sfortunati , i nomi di due cittadini bruscianesi: i coniugi Salvatore Lauro di anni 57 e Velia Carli di anni 50.
Il manifesto è stato affisso all’ingresso della casa Comunale di Brusciano per la pubblica lettura e per un momento di cordoglio da parte della Cittadinanza locale.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore