Marigliano,acqua, Assemblea contro la Gori

Redazione

Il Comitato per l’Acqua Pubblica di Marigliano ha convocato per lunedì 28 Settembre 2009 alle ore 18:30 presso la sede della Camera del Lavoro CGIL di Marigliano al Corso Umberto I (di fronte area di servizio AGIP) un’assemblea straordinaria allargata a tutti i cittadini, comitati, associazioni, e a tutti coloro stanchi delle vessazioni della GORI , delle bollette sempre più salate, e delle continue prevaricazioni ai danni della cittadinanza che una “gestione privatistica” del servizio idrico, ha inevitabilmente portato.

Cari cittadini è giunta l’ora di dire basta! Bisogna mettere in atto forme di contrasto, di resistenza e di disubbidienza civile per porre un freno ai continui salassi, alla strafottenza della GORI e a quella dei nostri amministratori che da “quell’orecchio” non ci sentono.
Come Comitato Cittadino, abbiamo dimostrato più volte le nostre ragioni, il nostro impegno. La richiesta continua di assistenza che in questi giorni abbiamo ricevuto dai cittadini con in mano bollette esorbitanti, è la prova che le nostre ragioni erano e sono fondate. Abbiamo quindi, il primato “consolatorio” di aver smentito un’intera classe politica mariglianese , che l’efficienza, l’efficacia e l’economicità del servizio idrico in mano ai “privati” è la stupida favoletta che ci hanno raccontato per spillarci più soldi, e che, senza timore di smentita, le cose nel prossimo futuro andranno anche peggio .
Ma le vicende di questi giorni sono anche la triste constatazione che non siamo stati ascoltati. Che troppi cittadini non hanno creduto in questa lotta.

Ci sentiamo quindi, di fare un’ ultimo e accorato appello a tutti coloro che Lunedì 28 Settembre vorranno partecipare all’assemblea:
- Il Conto Corrente Postale su cui molti cittadini versavano la bolletta del servizio idrico è stato definitivamente chiuso! In gioco quindi c’è: o la sudditanza economica alla GORI per 30 anni o tentiamo di riprenderci il servizio idrico.
- Chiunque sia interessato e voglia partecipare all’assemblea, venga con lo spirito di “non” delegare, ma che sappia rendersi partecipe e protagonista in questa vicenda. La lotta per “l’acqua pubblica” non la vincono i partiti, ma la gente, i cittadini capaci di organizzarsi, di fare rete, perché ripubblicizzare il servizio idrico si può, e dobbiamo provarci!

Nonostante gli attacchi sistematici alla gestione servizi pubblici locali, una buona e notizia arriva proprio Comune di Napoli: In data 30 Luglio 2009 il C.C. di Napoli approva a maggioranza l’indirizzo di modifica dello Statuto Comunale in cui si riconosce che il Servizio Idrico Integrato è un servizio pubblico essenziale, di interesse generale, privo di rilevanza economica, che dovrà essere totalmente pubblico, escludendo anche per il futuro la possibilità di ingresso a soci privati.

 La Giunta si impegna a presentare un piano di fattibilità per istituire, anche nell’ambito della generale politica di agevolazioni tariffarie per le fasce di popolazione meno abbienti il “minimo vitale idrico”, finalizzato, cioè, a garantire tendenzialmente a tutti i cittadini la disponibilità domestica gratuita di un quantitativo minimo vitale giornaliero di acqua potabile per persona.
Ripubblicizzare il servizio idrico si può.
E’ un atto di civiltà, di democrazia ma soprattutto di volontà politica.


Comitato di Lotta per L’Acqua Pubblica Marigliano

Discuti l'Argomento sul Blog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Angelo Bruscino
test 300x250
In Evidenza
test 300x250