San Vitaliano, Lsu senza lavoro occupano la stanza del sindaco e minacciano di darsi fuoco

Redazione

SAN VITALIANO - Due lavoratori Lsu occupano la stanza del sindaco di San Vitaliano muniti di una latta di benzina e minacciano di darsi fuoco. Tensione alle stelle ieri nel Comune alle porte di Nola dove i 2 lavoratori addetti al servizio di nettezza urbana non vedendosi rinnovare il contratto mensile hano preso d’assalto l’ufficio del primo cittadino.

 I due operai che da dicembre non percepivano lo stipendio e che lavoravano alle dipendenze della Campania Felix avevano sperato che la nuova ditta a cui è stato affidato l’appalto Nu gli rinnovasse il contratto. Nulla di fatto invece. La società che si occupa anche del servizio di raccolta differenziata a Scisciano non ha provveduto ad assorbirli.

 E così i lavoratori hanno inscenato un duro sit-in al Comune. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di San Vitaliano. Il sindaco Antonio Falcone ha invitato i due operai alla calma e nel frattempo ha convocato i vertici della ditta per evitare conseguenze tragiche. Al tavolo tecnico naturalmente c’erano anche i 2 operai.
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore