Giampaolo Nuvolati : il Flâneur a spasso nelle città contemporanee

Redazione

 Nuove traiettorie esplorative dell’urbano.
CIMITILE – La manifestazione “Maggio dell’architettura” volge al termine con il suo ultimo incontro in programma, sempre nelle Basiliche Paleocristiane, con un altro ospite d’eccezione : Giampaolo Nuvolati.

Un sociologo, autore del libro “Lo sguardo vagabondo. Il flâneur e la città”, è stato scelto come relatore “ad hoc”, dall’associazione organizzatrice SiebenArchi, per indirizzare ad una riflessione che, iniziata lo scorso 7 maggio con un ragionamento di un architetto disegnatore, è passata attraverso le parole di un teorico dell’arte, per poi concludersi con le considerazioni di uno studioso di sociologia in relazione all’architettura e l’urbanesimo.
 
Il termine “flâneur”, che farà da sfondo anche all’incontro di venerdì 28, riferito in origine verso la fine dell’Ottocento a “poeti e intellettuali che, passeggiando tra la folla dei cittadini consumatori, ne osservavano criticamente i comportamenti”, si presta oggi a un riuso piuttosto allargato: l’autore - relatore offrirà una panoramica di queste innovazioni semantiche, correlandole agli elementi che caratterizzano la “società tardomoderna”.
 
La nozione di flâneur sollecita oggi con forza l’interesse delle scienze sociali e della filosofia, ma anche della letteratura e del cinema, per la capacità di identificare una particolare pratica di viaggio e di esplorazione dei luoghi, di rapporto riflessivo con le persone e gli spazi. Animale urbano per eccellenza, allevato alla dura scuola della metropoli moderna, il flâneur incarna il desiderio di libertà errabonda nell’individuo imprigionato da vincoli territoriali, ideologici, professionali; la ribellione contro le pratiche consumistiche di massa, specie contro il turismo mordi e fuggi; l’aspirazione ad assaporare la vita secondo ritmi più meditati; il recupero della sensibilità come forma di conoscenza.
 
Trapiantata dalle gallerie parigine nelle periferie urbane e nei grandi centri commerciali metropolitani, la figura del flâneur sembra testimoniare lo smarrimento dei nostri giorni, ma anche il desiderio di sperimentare nuove relazioni con i luoghi e i loro abitanti. Materiale interessante, e per certi versi estraneo ai luoghi comuni dell’architettura, quello che sarà messo in campo per coloro che interverranno all’appuntamento conclusivo del maggio targato SiebenArchi.

Dott. Della Gala Alfonsina

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore