Un convegno sulla Storia Patria a Brusciano

Redazione

BRUSCIANO - Sabato scorso presso il Centro Polivalente Culturale ex Chiesetta della Pietà a Brusciano si è svolto il Convegno di Storia Patria avente ad argomento “L’Esercito napolitano nel Regno delle Due Sicilie”. L’incontro organizzato, per l’Associazione Multiculturale Vesuvius, da Leonardo Brunacci è stato moderato dal dott. Angelo D’Ambra il quale ha pure ricordato la figura dell’ufficiale borbonico bruscianese, Giovanni Cecere (1823-1867).

Le relazioni sono state prodotte da Massimo Cuofano sul tema “I valori cristiani ed etici del Regno delle Due Sicilie e dell’esercito napolitano”; dal Col. Ilario Simonetta che ha intrattenuto la platea spiegando come era strutturato “L’Esercito napolitano nel Regno di Ferdinando II di Borbone”; il dott. Vincenzo D’Amico ha presentato il libro del Magg. Cav. Carlo Corsi “In difesa dei soldati napoletani 1860”; infine il poeta e scrittore Antimo Ceparano ha interpretato con una commossa recitazione alcuni brani e versi di quella esperienza storica.

Una mostra di stampe antiche e di testi storici sono stati forniti dal cultore di storia patria Matteo Vaia.
Al convegno sono stati presenti il Vicesindaco dott. Vincenzo Cerciello ed il Consigliere comunale, delegato alle Politiche Sociali, Nicola Di Maio. Nel corso dell’incontro quando si è parlato del bruscianese Giovanni Cecere, distintosi nella battaglia di Gaeta, i promotori dell’iniziativa di studio hanno chiesto un interessamento dell’Amministrazione Comunale di Brusciano per intitolargli una strada.

Il Vicesindaco Cerciello ha detto di “farsi carico di questo suggerimento toponomastico che potrà essere trattato dal Sindaco, dott. Angelo Antonio Romano con noi Assessori comunali. Così l’ipotesi di intitolazione ad una figura storica, quella di Giovanni Cecere, di una strada di Brusciano potrebbe essere soddisfatta, ma sempre nel rispetto della piena condivisione decisionale e delle eventuali altre priorità.”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore