Nola, folla e commozione per l’arrivo del busto reliquiario di Santa Giovanna Antida

Redazione

Folla e commozione, a Nola, per l’arrivo del busto reliquiario di Santa Giovanna Antida. Ad accogliere l’icona votiva d’argento puro c’erano tutte le autorità cittadine e i bambini dell’istituto religioso Santa Chiara di Nola, diretto da don Pasquale Capasso. Presente anche il primo cittadino Geremia Biancardi, che ha preso parte alla processione dei fedeli culminata nel duomo di Nola.

 “A giugno è venuta suor Carmela da me al comune –afferma Biancardi- mi ha regalato un libro sulla vita di Santa Giovanna Antida che mi ha permesso di comprendere quanto era straordinaria questa religiosa che ha dedicato tutta la sua vita agli altri incontrando ostacoli persino nel mondo ecclesiastico”. Suor Carmela, invece, ha ricordato la missione svolta dalla santa di origine francese per gli umili, gli emarginati e soprattutto per i carcerati.

“Che santa Giovanna Antida –consenta ai ragazzi di non perdere mai la speranza e di trovare sempre un senso alla propria vita”, ha detto suor Carmela. In prima linea c’erano proprio i bambini e le insegnanti dell’istituto con striscioni e slogan inneggianti santa Giovanna Antida. Commozione tra i nolani, che hanno accolto l’evento organizzato in occasione del bicentenario della venuta a Napoli dalla Francia di 8 suore e di Giovanna Antida con grande gioia. Il busto resterà a Nola per 8 giorni nell’ambito di una serie di eventi religiosi.

Per oggi giovedì, 24 settembre , è prevista una giornata della carità. Si inizia alle 7.30 con la celebrazione eucaristica presieduta da monsignore Antonio Corbisiero, cappellano dell’istituto santa Chiara. Alle 11, solenne concelebrazione eucaristica, presieduta da monsignore Beniamino Depalma. Per l’occasione sarà inaugurato anche l’anno scolastico con la partecipazione di tutte le scuole del territorio. Nel pomeriggio, alle 16.30, incontro caritas diocesana e Ualsi, animato dal direttore Caritas don Arcangelo Iovino.

Segue sulle orme di Giovanna Antida recital. Venerdì 25 settembre in chiusura ci sarà una giornata vocazionale. A tale scopo ci saranno le testimonianze dei novelli sacerdoti, ordinati il 14 settembre 2009. Parteciperanno gli alunni delle scuole superiori e le associazioni cattoliche. Alle 11.30; celebrazione di ringraziamento, presieduta da monsignore Pasquale Capasso, dirigente scolastico, dell’istituto Santa Chiara. Partenza del busto reliquiario con saluto a santa Giovanna Antida da parte delle consorelle.

 Le suore di Santa Giovanna Antida arrivarono a Napoli il 18 novembre 1810 e furono accolte da tutte le autorità cittadine e da un programma musicale e dall’allora vescovo. Fu così che nacque la prima casa, dopo quella fondata a Besancon da Giovanna Antida, in mezzo a un popolo che ammirò l’eroismo di 8 suore straniere che si presero cura di 100 ammalati e ne appressò gl ideali di carità e di sacrificio. . .
 

Giovanni Villano

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Angelo Bruscino
test 300x250
In Evidenza
test 300x250