NOLA: GIUSTA ORGANIZZAZIONE DELLE SCUOLE

Redazione

 NOLA – L’amministrazione comunale di Nola è riuscita ad evitare che le politiche regionali in materia di ridimensionamento scolastico, si traducessero in una indiscriminata parcellizzazione dell’offerta scolastica, senza tener conto della funzionale dislocazione dei plessi e delle risorse lavorative impiegate.

La giunta Regionale della Campania ha, infatti, varato (Decreto Legislativo 112/98, artt. 138 e 139 - Programmazione della rete scolastica, anno scolastico 2009/2010 - Modifiche ed integrazioni alla Delibera di Giunta Regionale n. 2036 del 23/12/2008) il piano di dimensionamento per le scuole primarie della città di Nola, ritornando sulla delibera proposta dal Comune di Nola, ritenendo, è scritto nella delibera, “le richieste avanzate in gran parte, orientate ad una migliore organizzazione dell'offerta, in virtù di più specifici e dettagliati approfondimenti operati dalle singole realtà territoriali con le Province di riferimento”.

 “Questa decisione – ha dichiarato l’assessore alle Politiche Scolastiche, Roberto De Luca - dimostra che il nostro piano era ispirato all'equilibrio nel numero di alunni per ogni dirigenza ed ad un equo principio geografico, correggendo una situazione che teneva insieme scuole di Polvica e Piazzolla che sono distanti tra loro più di venti chilometri”.

“Grazie all’intervento deciso dell’amministrazione comunale – ha aggiunto De Luca - sono state rispettate le giuste aspettative degli abitanti di Piazzolla di Nola che rivendicavano l'autonomia scolastica della frazione”. “Tale piano – ha concluso De Luca - rispetta i principi imposti dal decreto Gelmini e salvaguarda il numero di dirigenze e di tutti gli operatori scolastici”.

Nello specifico, la Regione ha disposto di aggregare all'IPSCT "Nobile" di Nola i corsi di studio psico-pedagogico e di scienze sociali funzionanti nella sezione distaccata di Casamarciano del Liceo"Albertini" di Nola; di attivare presso l'IPSCT Nobile di “Nola” un corso ad indirizzo psico-pedagogico.

 Inoltre la Regione ha precisato le modalità dell'istituzione in Nola dell' IC denominato “G.Bruno-M.Fiore” mediante le seguenti indicazioni: accorpamento della SM "G. Bruno" di Nola con i plessi di scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di 1° grado di Polvica di Nola già facenti parte dell'IC "Mameli" di Piazzolla di Nola; l' IC "Mameli" risulta, in tal modo, composto dalla SMS di Piazzolla, dalla Scuola materna ed elementare di Villa Albertini, dalla Scuola Elementare Vetrai e dalla Scuola Elementare di via Costantinopoli (tutte del 1° Circolo ) e dal Plesso “Caselle” di scuola elementare facente parte del 2° Circolo Didattico di Nola.

 “Il ripensamento della Regione – ha commentato il sindaco Felice Napolitano – sollecitato dalle note inviate dal nostro assessorato, dimostra che quando gli Enti lavorano bene e accettano il dialogo è possibile fornire servizi importanti al territorio, riuscendo anche a risparmiare il danaro dei contribuenti”.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore