NOLA: IX CERTAME INTERNAZIONALE BRUNIANO

Redazione

 NOLA – Entra nel vivo l’organizzazione del Certame Internazionale Bruniano, giunto quest’anno alla nona edizione. La “Cabala del Cavallo Pegaseo” ed il “Cantus Circaeus, sono le opere di Giordano Bruno sulle quali si confronteranno gli studenti. Il primo ed ancora unico certame internazionale di filosofia che si svolge in Italia, è dedicato a Giordano Bruno ed è rivolto a tutti gli alunni italiani e stranieri degli ultimi due anni di corso delle scuole secondarie pubbliche e private che studiano filosofia e agli studenti delle università.

 La manifestazione, che si svolge per questa edizione il 17-18-19 aprile 2009. All’ottava edizione hanno preso parte più di 180 alunni (oltre una sessantina di accompagnatori) provenienti da tutte le regioni italiane e dall’estero. I partecipanti all’edizione 2009, giunti a Nola, avranno la possibilità, oltre che di “gareggiare” su Bruno, anche di conoscere ed apprezzare il rilevante patrimonio culturale e monumentale del territorio, tra cui il famoso Villaggio Preistorico, attraverso i percorsi organizzati nelle giornate di permanenza dall’Associazione Meridies.

Il Certame Internazionale Bruniano è la più grande ed importante manifestazione culturale dedicata a Giordano Bruno ed alla filosofia che si svolge in Italia, sia per numero di persone coinvolte, sia per la grande e diffusa partecipazione territoriale che abbraccia tutte le regioni d’Italia e l’estero.

E’ organizzato dal Comune di Nola, dal Liceo Classico “G. Carducci” di Nola, dall’Associazione Meridies, dall’Agenzia di Sviluppo dei Comuni dell’Area Nolana, dal Parco Letterario e dalla Fondazione “G. Bruno”, dai comuni di Cimitile e Casamarciano, dalla Regione Campania, dalla Provincia di Napoli, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e con la preziosa consulenza scientifica di docenti universitari e studiosi di filosofia, coordinati dal Prof. Aniello Montano.

“Il Certame – ha detto l’assessore ai Beni Culturali, Artuto Cutolo – è un momento importante per la nostra città, che mette in relazione turismo e filosofia in maniera davvero unica”. “Come ogni anni – ha concluso il sindaco Napolitano – la città di Nola si prepara ad essere la capitale della filosofia grazie all’impegno della politica, dell’associazionismo e del mondo della scuola, che lavorano ad un unico scopo, la diffusione del pensiero di Giordano Bruno”.

“E’ estremamente bello e gratificante – ha continuato Angelo Amato de Serpis, Presidente di Meridies - vedere l’impegno e la grande voglia di confrontarsi e di approfondire il pensiero bruniano di centinaia di giovani provenienti da scuole di tutto il territorio nazionale e dall’estero, di conoscere i “luoghi bruniani” e di assaporare lo spirito e l’anima del Nolano, nella sua terra d’origine”.

 


 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore