"COSI' FAN TUTTE"

Antonio Capasso

(O tutti, tanto è lo stesso, sempre di persone di facili costumi si tratta !)

Partendo da Mozart, passando per l'eros spinto di Tinto Brass, si giunge ai nostri politicanti (e i loro cortigiani..!!), che con tale espressione (COSI' FAN TUTTI) si giustificano per far passare come normale l'illecito penale e l'arrogante arbitrio di chi, potente come politico ma impotente come "uomo", mortifica e umilia i "normali" cittadini che egli stesso dovrebbe servire come "minister" e invece maltratta come pezze da piedi.

Qui devo fare un po' di chiarezza, perché non posso accettare che qualcuno capovolga la situazione incolpando solo i cittadini di "prostituirsi" ai potenti; cittadini che, cortigiani o non, si rivolgono ai vari potentati politici per ottenere prebende e in tal modo tutti noi onesti e galantuomini da "oppressi" diventiamo "oppressori", mentre i "poveri politici" vengono trasformati in vittime degli astuti "cortigiani".

E' ben vero che tutt'oggi esistono i cortigiani, ma questi sono una esigua minoranza e, al contrario delle qualità possedute secoli addietro, hanno oggi assunto la maschera dei "sensali" per conto del "Principe", cioè sono diventati il tramite di tutte le "porcherie" che i politicanti organizzano a proprio esclusivo vantaggio. Sì, dico bene, è un loro esclusivo vantaggio anche la mortificazione della dignità di chi è sempre più spesso costretto a rivolgersi a loro per le più comuni e banali esigenze, compreso quella di sedare i morsi della fame…!

Ma oltre ai cortigiani esistono i cittadini comuni, che sono la stragrande maggioranza e si trovano di fronte ad un muro di abuso, protervia, arroganza etc.. allorchè gli vien chiesto di esibire la tessera politica per una qualsiasi loro esigenza, ancorchè vitale; ..e non tutti sono eroi al punto di denunciare, anche perché chi denuncia spesso viene querelato e la famosa bilancia pende quasi sempre dallo stesso lato!!!

Qui non stiamo parlando di "raccomandazioni", pur illecite ma "male minore", bensì di occupazione arbitraria del "DIRITTO" pubblico da parte di poche decine di malfattori, che si fregiano del titolo di politici. La politica è ben altra cosa; è la preoccupazione disinteressata di chi ha a cuore la "Cosa Pubblica" e vuole lasciare alle generazioni future un Paese vivibile e organizzato.

Oggi è proprio questa l'esigenza primaria del nostro Paese, ripristinare uno Stato di Diritto; allora ben vengano i Magistrati a fare il loro dovere, difendendo i principi fondamentali della Legge, anche se impegnata in questa difesa ci sia, talvolta, una figura un po' macchiettistica!

Si vergogni, invece, chi in Parlamento ha dichiarato che di queste cose (abusi, concussioni etc..) si devono occupare i partiti politici e non i Magistrati ! Si vergogni chi ha alzato la soglia di discrimine tra lecito ed illecito, o facendo qualche regalino…! O affermando, appunto, che COSI' FAN TUTTI!

Il vero compito dei Partiti non è quello di innalzare la soglia dell'imputabilità penale ma, innanzitutto, di fare pulizia al loro interno e poi di ridare dignità propria al dibattito politico in seno alla cittadinanza, nelle scuole, nelle Associazioni etc.., cioè fare in modo di preparare le future generazioni ad affrontare i grandi e piccoli temi della nostra organizzazione sociale e renderli partecipi in tal modo della creazione di una "polis" che appartenga a tutti.

La mia piena solidarietà va a quel giovane geologo di Ottaviano, laureato a pieni voti, che nell'ormai famoso concorso per un misero posto nell'Autorità di Bacino del Sele sbaraglia tutti con un esame brillantissimo, al punto da ricevere applausi anche dalla "Commissione"; la quale però, stando alle intercettazioni, lo esclude perché privo di "copertura politica"!! COSI' FAN TUTTI ? UMILIANO I NOSTRI MIGLIORI FIGLI?

Discuti l'Argomento sul Blog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore