La Vesuvius alla Notte Bianca di Piano di Sorrento

Redazione

PIANO DI SORRENTO - Grande successo per l’Associazione Multiculturale “Vesuvius” che, lo scorso 25 giugno, ha aperto ufficialmente la seconda edizione della “Notte Bianca” nel comune sorrentino. La manifestazione, organizzata dal Comune e dalla Pro Loco della cittadina, ha visto la partecipazione di circa 40.000 persone che hanno letteralmente invaso le stradine di Piano fino a notte fonda. In una piacevole e fresca notte d’inizio estate la Paranza Vesuvius, guidata dall’estro e dall’esperienza del suo fondatore Angelo Iannelli, ha celebrato le melodie della musica popolare, incantando tutti gli astanti che seguivano le performances degli artisti nelle vie della città.
 
Ad inorgoglire ancora di più i membri dell’associazione Vesuvius, unica associazione dell’agro-nolano ad essere invitata alla manifestazione, i patrocini dei Comuni di Brusciano, Somma Vesuviana, Marigliano e Mariglianella.
 
Partiti in pullman, alle otto gli artisti della paranza (una quarantina circa tra musicisti e danzatori) già sfilavano per le stradine di Piano, inscenando uno spettacolo nello spettacolo quando la gente e i molti turisti si estasiavano al ritmo delle danze dettate dalle classiche melodie della canzone napoletana, dei canti a figliola, delle nacchere e delle tammorre.
 
Il ritmo nel giro di pochi minuti ha coinvolto tutti ed il suono delle tammorre, istruite saggiamente dal re di questo genere nonché presidente onorario della paranza Marcello Colasurdo, ha affascinato l’intera organizzazione. L’occasione è stata propizia anche per esportare la tradizione secolare della Festa dei Gigli di Brusciano. Tanti i turisti e i residenti che sono rimasti incantati dalle spiegazioni e dalle documentazioni (foto, immagini e miniature) allestite dal gruppo dei bruscianesi e dall’artista Sebastiano Romano, che ha esposto un giglio in miniatura di circa due metri che riproduceva alcuni movimenti tipici dei gigli veri.

A rappresentare il Comune di Brusciano, sostenendo l’attività della Vesuvius e di Angelo Iannelli, oltre ad un nutrito numero di bruscianesi che hanno ballato e danzato per tutta l’esibizione, anche figure istituzionali della cittadina vesuviana: il vicesindaco del comune Dott. Carmine Guarino, che ha fortemente voluto questa partecipazione mettendo a disposizione della carovana i mezzi di trasporto necessari e scambiando ufficialmente doni e congratulazioni con l’assessore allo spettacolo del comune di Piano Giancarlo D’Esposito, che portava i saluti del sindaco di Piano Giovanni Ruggiero. .
 
Presente anche il consigliere Nicola Di Maio, presidente della Festa dei Gigli di Brusciano che ha intrattenuto rapporti con l’amministrazione locale, in particolar modo l’assessore al commercio Francesco Gargiulo e Carlo Pepe, funzionario del III settore turismo, cultura e spettacolo del comune sorrentino; tutti si sono entusiasmati all’idea di un futuro gemellaggio tra Piano e Brusciano con la magia di un giglio in costiera. 
 
Estremamente felice il sociologo bruscianese Dott. Antonio Castaldo che, nelle vesti anche di responsabile dell’ufficio stampa del comune di Brusciano, ha elargito profonde spiegazioni ai turisti e agli incuriositi in relazione alla secolare festa dei gigli. Soddisfattissimi infine gli organizzatori dell’evento, in particolare il presidente della Pro Loco di Piano Domenico Cinque e Angelo Iannelli che hanno suggellato questo successo con un reciproco invito alle rispettive prossime manifestazioni delle due associazioni.

Il plauso però è tutto per gli artisti, artefici primi del grande successo e del grande divertimento regalato alle due comunità: il grande cantante Peppe Carosone, accompagnato da Carmine Coppola e Carmine Grimaldi; alle tammorre si sono esibiti Domenico Angrisani, Felice D’Alise, Carmen Percontra e Gianluca Parente; alla fisarmonica il maestro Peppe Mauro; alla chitarra il maestro Enzo Di Monda; triccaballacche e scetavaiasse sono stati suonati da Giuseppe e Giovanni Salvadore; al sax il maestro Stefano Salvadore.

Una ventina circa i danzatori che instancabilmente hanno coinvolto i cittadini in continue danze e canti. Il documentario dell’evento è stato curato dal fotografo Raffaele Vitale e dallo studio fotografico di Brusciano “La Tua Immagine”; fotografo ufficiale della manifestazione Alessandro Santulli.
 
La diffusione dell’evento sarà affidata al periodico bruscianese “L’Ambasciatore” il cui direttore Antonio Martignetti ha preso parte all’evento. Nel commento di Angelo Iannelli tutta la soddisfazione per la bella riuscita della manifestazione di cui la Vesuvius è ormai un punto fermo, una realtà nel panorama del folklore dell’agro-nolano che non potrà mancare alla Notte Bianca del 2011, alla quale diamo appuntamento a tutti per divertirci ancora assieme nel nome della musica, dell’arte e della cultura partenopea.

Comunicato
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore