Marigliano, la Parola indecente.

Vito Lombardi

Uno spasmo espresso con gioia, che indigna.

È da tanto che capeggia su un muro, nel cortile antistante l' “Elia Aliperti”, sulla scritta Estate Ragazzi 2008, quella sconcezza. Chi può aver scritto quella frase: “Viva la droga!”? Come è possibile che nessuno abbia pensato di cancellare parole così violente, che fanno bella mostra di sé fuori ad una scuola media, dove la parola forma, dove la parola è indispensabile nella formazione del Sé , nella costruzione dell'identità e dell'autonomia?

 Alcibiade si innamorò di Socrate per la parola, ha scritto su questo portale Ercole Capuozzo. La parola, però, può anche uccidere. Quella frase è uno spasmo espresso con gioia, che indigna. È un fulmine che illumina, improvviso, la povertà intellettuale di una società, che fa paura.

E deve essere cancellata. Essa non è una giovanile trasgressione, non è una metafora, è una furbizia, è una sconcezza, posta lì ad arte, che coinvolge emotivamente, che può diventare un esempio per dei ragazzi che si stanno preparando ad affrontare la vita. 

Discuti l'Argomento sul Blog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Vito Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Angelo Bruscino
test 300x250
In Evidenza
test 300x250