Marigliano, ricordo di Mario Trifuoggi

Redazione

Un anno fa chiudeva la sua operosa giornata terrena il nostro concittadino dott. Mario Trifuoggi, apprezzato esponente della gloriosa tradizione napoletana dei medici scrittori. Dopo la laurea prestò servizio sul fronte di Cassino, dove si prodigò in favore della popolazione del luogo martoriata dalla guerra, e successivamente a Torino come ufficiale medico.

Al rientro in sede fu medico condotto presso il nostro Comune; in seguito, conseguita la specializzazione, si trasferì, dopo il matrimonio, a Napoli, dove esercitò la professione di ostetrico-ginecologo per circa un cinquantennio, facendosi stimare ed amare per la competenza, la generosità e la coerenza di cattolico.

Animo particolarmente sensibile al bello, innamorato della musica, coltivò con passione e fecondità di ispirazione la letteratura. Fu narratore sapido e colorito:‘O cavaliere Arturo (con prefazione di Mario Scarpetta), Racconti napoletani, La leggenda del frate Bernardino francescano (dedicata a un pio e saggio frate del Convento di S.Vito vissuto nel primo Novecento), oltre a numerosi inediti. Fu del pari poeta, in lingua e in dialetto, autore di varie sillogi: Napule dint’ ‘o core (con prefazione di Francesco Serao), Memorie e sentimenti di una Napoli che non muore, Raccolta-Pensieri in versi.

La sua Musa fu soprattutto Napoli, con le sue bellezze naturali, la sensibilità e il costume del suo popolo ‘e na vota. Essa gli ispirò liriche fragranti, sapientemente modulate, spesso dai “colori forti e struggenti della scuola di Posillipo” (per dirla con Stefano de Stefano), e dai motivi più vari: elegiaci o caricaturali, malinconici o briosi, umoristici o religiosi; ad esse, come alle prose, arrisero lusinghieri apprezzamenti di illustri critici e di grandi artisti napoletani.

Accanto alla visione incantata del paesaggio, in malioso plenairisme, vi si rinviene, saporosa e plastica, pur se venata di nostalgia, la descrizione affettuosamente partecipe della vita popolare con i suoi riti, la sua bonaria saggezza, i suoi detti, le sue figure caratteristiche, che riluce in pagine suggestive come il Canto dei pescatori di Mergellina, ‘O vico, ‘O zuco d’o rraù, ‘A Nuvena ‘e Natale, Tarallucci e vino. Di quest’ultima ci piace riprodurre i gustosi versi.

Nu taralluccio ‘nfuso dint’’o vino…
Che sfizio sapurito a s’’o magnà
Chianu chianu, nu pucurillo ‘a vota
E cercanno ‘e nun ‘o fa’ spugnà,
Lassànnule nu poco pucurillo
A rusecà comme a nu suricillo.
Vecchia ausanza doppo magnato, a tavula
‘Nzieme a amice e pariente allegramente.
Tiempe ‘e semplicità, tiempe ‘e na vota…
Però ‘o significato resta llà:
Pace e bene diceno ‘sti pparole
Comme a significà: aimmo pazziato
Doppo appicceche, comme fosse niente.
Se scordano cummare e cummarelle
‘E ccose malamente cu ‘a minaccia
‘E ‘nu stravise overo: arrassusia!
“Cummà, v’aite ‘a piglià, ll’aggio fatt’io
Cu ‘e mmane meie: è nu cafè spiciale”.
“’Onna Rusì, nun date aurienza a iére.
Acqua passata. Dàmmece nu vaso".
E via via… Chisto è ‘o populo d’e viche
Ca nun s’accide pe’ na cosa ‘e niente.
E si è storta ‘a jurnata e ‘a sera chiagne
‘A gente…ca nun s’abbelisce maie,
Se sceta, ride e canta po’ ‘ a matina.
Tutto fernesce a TARALLUCCE E VINO!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ASM Service Mercedes Benz Marigliano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250