Napoli, sequestrate armi illegali

Redazione

Il 18 settembre 2009, nel corso della serata, in Napoli, in quella via Botteghelle s.n., nel quadro di una più ampia attività di contrasto alle fenomenologie criminali riconducibili ai clan camorristici operanti nell’hinterland orientale della Provincia, i militari del Nucleo Investigativo del Gruppo di Castello di Cisterna, traevano in arresto DI DATO Francesco Paolo, nato a Napoli il 31.10.1973, ivi residente, pregiudicato, poiché resosi responsabile del reato di porto e detenzione illegale di armi e munizioni in concorso con persone da identificare, con l’aggravante dell’art. 7 della legge 203/91 avendo occultato le armi al fine di agevolare l’organizzazione di riferimento (già clan Sarno e attualmente dopo il pentimento dei vertici della citata organizzazione, appartenente gruppo capeggiato da Esposito Pacifico e Giuseppe).

L’operazione consentiva di recuperare (abilmente occultate dal DI DATO Francesco Paolo tra pneumatici abbandonati in uno scantinato pertinenza della propria abitazione) e sottoporre a sequestro:

• una pistola semiautomatica marca Pietro Beretta, cal. 9 corto, matricola abrasa, in ottimo stato d’uso, completa di caricatore contenente 3 (tre) cartucce;
• un revolver giocattolo cromato, con calciolo in plastica nera recante la scritta “Power Alarm cal. 380 K”;
• una pistola giocattolo semiautomatica mod. 85 auto, cal. 8 mm K completa di caricatore;
• una pistola giocattolo semiautomatica recante la scritta “Glock 17 Austria 9x19”;
• una cartuccia da fucile cal. 12;
• gr. 0,6 di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

 L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale a disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli nella persona del Dott. Vincenzo D’Onofrio che coordina le indagini.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore