Marigliano, gli americani ci studiano

Redazione

Nel mio ultimo scritto avevo riferito di giornalisti che si stanno occupando della grave situazione ambientale della nostra cittadina. Un paio di settimane fa, mi telefona Giampiero (giornalista di Canale Italia, che trovate su Sky 883). Mi dice che vuole conoscere la fotografa, giornalista americana. Ci diamo appuntamento al bar.

  Sembra una ragazzina; il suo accento mi riporta indietro nel tempo, alle mie amicizie da spiaggia. Per fortuna non serve il mio inglese: avrei fatto una brutta figura. Ordina un cappuccino bollente, così come piace a me, nonostante il caldo umido e la temperatura di poco superiore ai 30° . Scopro che in comune abbiamo avuto le ansie di chi si è ammalato, poi è guarito e ha deciso di dedicare parte del proprio tempo a chi non ha avuto la stessa fortuna e non c’è più o sta per andarsene.

Si era ammalata di cancro … ma la sua storia è meglio che la leggiate sul suo sito. Non è una ragazzina: ha più di 30 anni, anche se non li dimostra. Ha preso in fitto un appartamentino arredato a Marigliano. Ci rimarrà per due mesi: il tempo necessario a documentare i volti di chi sta soffrendo perché è ammalato. Mi chiede di darle una mano a riparare la ruota sgonfia di una bicicletta che le è stata prestata; la indirizzo dal buon Cervo. Spera di trovare qualcuno che possa fittarle un motorino.

 Giampiero mi sembra “uno delle Iene”: alto, moro, sempre vestito di nero. Ho la sensazione di conoscerlo da sempre. Accettano di venire con me. Andiamo a fare visita a Resi Cerciello, presidente dell’Associazione Arcobaleno di Somma Vesuviana. Resi sta raccogliendo fondi per il restauro di una pala di età tardo gotica, di Angiolillo Arcuccio. Ha organizzato una mostra di artigianato… Parcheggio la mia auto al fresco, sotto un albicocco. Lei è curiosa ed è attratta dallo stand delle rose rarissime.

Compriamo del miele e torniamo all’auto.. Lei toglie una albicocca troppo matura che era caduta sul parabrezza col fare di chi sta toccando qualcosa di infetto. Le dico che è una buonissima “pellecchiella”. Lei mi domanda: “perché tu le mangi?!”. Capisco, sdrammatizzo e le dico: “hai visto la scena delle pesche nel film Gomorra!”. Sorride, si sente presa in giro e si giustifica confidandomi: “Sai che mi hanno detto di non bere nemmeno il vostro caffè perché mi hanno mostrato le foto dell’acquedotto invaso da rifiuti tossici?!”.

Scherzando (mica tanto!) le dico: “ sai, noi che viviamo qui siamo come gli incantatori di serpenti a sonagli che si iniettano dosi crescenti di veleno per vaccinarsi!”. Colgo che è confusa, so che si chiede se siamo tutti pazzi a rimanere qui. Anticipo la sua domanda e le dico che a scappare mi sentirei un vigliacco, che sul pioppo di casa mia c’è una famiglia di picchi, che due amici medici hanno provato a scappare.. Come nella canzone di Lucio Dalla “Anna e Marco”, qualcuno li ha visti tornare tenendosi per mano.

Poi sono io che passo a fare domande: “cosa ti ha spinto a venire qui a Marigliano?” La risposta sta nello studio che qui vi allego e vi prego almeno di sbirciare

. E’ lo stesso studio che con il prof. Caliendo avevamo indirizzato, tra l’altro, alla Procura della Repubblica di Nola nel febbraio 2008. Era carnevale, mi è rimasta qui, in gola, la lasagna! Dovevamo fare presto, la Procura doveva sapere… Così Ciro, Peppe, Giovanni, Cristina, Nunzia, Salvatore, Maria Luisa, Anita decisero di lasciare digiuno anche il povero Ciccio Del Duca. Producemmo almeno 10.000 fotocopie!... Sono stati a casa mia Gianluca e la giornalista. Ho voluto che capissero cosa significhi fissare le proprie radici. Ho voluto mostrare che vicino a me c’è una scuola. Ho mostrato loro il campo scout… Che senso ha fuggire, dimmi!?...

Sono andati via a capo chino lei e Giampiero, hanno fatto l’ultima carezza al mio labrador. Hanno portato via la stampa della dichiarazione dell’ing. Cicatiello, il Vicario del Commissario per le Bonifiche: il problema dei rifiuti tossici è “solo” un problema politico! Dedicatemi ancora 7 minuti, ascoltate cosa dice con competenza e semplicità l’ing. Cicatiello. Vi assicuro che ne vale la pena! Cordialità.

Nino Serpico architetto. 

Discuti l'Argomento sul Blog  

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ambiente300x600-2
test 300x250
In Evidenza
test 300x250