Carabinieri, arresti e denunce per brogli e altro

Redazione

Da 2 giorni prima dell’apertura dei seggi elettorali e fino alla loro chiusura i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno esercitato attenta opera di vigilanza e controllo per garantire la correttezza della campagna elettorale e la regolarità delle operazioni di voto.

L’attenzione e’ stata particolarmente incentrata sulla affissione di manifesti in luoghi ed in tempo non consentiti ma una attenta opera di controllo e’ stata esercitata nei pressi di tutti i seggi elettorali per evitare che la eventuale presenza di personaggi di interesse operativo (pregiudicati, sottoposti a misure di prevenzione o affiliati a clan camorristici) potesse in qualche modo, anche indirettamente, influenzare il naturale orientamento dei cittadini.

Nel corso dei servizi in provincia 49 persone (tra le quali 15 con precedenti arresti o denunce) sono state multate per affissione di manifesti elettorali in posti non consentiti. Altre 11 persone sono state invece multate per propaganda elettorale in tempo non consentito.

Gli interventi del tipo appena descritto operati a Napoli hanno portato alla scoperta di 16 persone (3 delle quali con precedenti) che affiggevano manifesti in luoghi non consentiti.

Durante i servizi sono stati scoperti brogli elettorali a Gragnano, a Cimitile e Marigliano. A Roccarainola un personaggio già noto alle ffoo presente senza alcun motivo nei presso di un seggio e’ stato arrestato per resistenza e lesioni a PU non avendo voluto allontanarsi dal posto ed avendo rifiutato di esibire i documenti a giusta richiesta dei Carabinieri di vigilanza nel seggio. A Casoria sono emerse “particolarita’ “ su una scuola ove si e’ scoperto un laboratorio artigiano abusivo praticamente “sotto il seggio elettorale”.

- Nella tarda serata di ieri, a Gragnano, i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto i cugini Ciro e Luigi Coticelli, 31 e 22 anni, entrambi del luogo, resisi responsabili in concorso di esercizio fraudolento del diritto di voto.

Alle 21.58 i due sono entranti nella sezione elettorale 27 in località Sigliano esibendo dei duplicati delle tessere elettorali di 2 inconsapevoli fratelli del luogo. I cugini sono stati indebitamente ammessi al voto ma, subito dopo, sono stati segnalati da alcuni rappresentanti di lista presenti nel seggio che hanno richiesto ausilio alla locale Stazione Carabinieri.

Immediati accertamenti hanno permesso di stabilire che:

. Ciro Coticelli aveva poco prima ritirato presso il locale ufficio elettorale i suddetti duplicati delle tessere (sono ancora in corso accertamenti sul come) coinvolgendo successivamente il cugino Luigi nell'azione delittuosa;

. gli intestatari delle tessere non avevano esercitato il diritto di voto poichè fuori Regione per motivi di lavoro.

È ancora al vaglio degli inquirenti la posizione di una 37enne del luogo, scrutatrice addetta alla identificazione dei votanti nella sezione, che avrebbe indicato i 2 Coticelli come “conosciuti personalmente” inducendo il seggio in errore.Mentre sono ancora in corso indagini per accertare l’eventuale coinvolgimento di altri soggetti nel broglio, gli arrestati sono tradotti nel carcere di poggioreale.

- I Carabinieri della Stazione di Casoria insieme a colleghi del nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Napoli hanno denunciato in stato di libertà un 47enne di Casoria ritenuto responsabile di attività artigiana esercitata abusivamente e di ricettazione.

I militari dell’Arma in servizio presso il seggio elettorale nell’istituto scolastico “Palizzi” in via Cesare Battisti, durante un giro di ispezione nella struttura, hanno notato che nel seminterrato della scuola era stato realizzato un laboratorio di ristrutturazione di mobili che interessava una superficie di circa 600 mq. I locali sono risultati essere abusivamente occupati dall’uomo che ha ammesso di svolgere attività di restauro e riparazione di mobili non fornendo indicazioni che consentissero di stabilire la provenienza, lecita o meno, del materiale trovato accantonato.Sul posto e’ stato fatto intervenire anche personale dell’ASL-NA2 e dei Vigili del Fuoco di Napoli che, constatate le precarie condizioni igieniche delle stanze nonché pericolo di incendio (erano presenti solventi e vernici) ha disposto il sequestro dei locali. le operazioni di voto sono procedute regolarmente.

- A Roccarainola, nel cortile della scuola elementare nel rione Gescal utilizzata quale seggio elettorale, i Carabinieri in servizio di vigilanza insieme ai colleghi del luogo hanno tratto in arresto Trionfo Benito, 41 anni, di via IV novembre, già noto alle ffoo, resosi responsabile di resistenza e lesioni a PU. Il Trionfo, che non doveva votare, alla guida del suo ciclomotore e con in sella altra persona, entrambi senza casco protettivo, senza alcun motivo ha fatto ingresso nel piazzale antistante l’istituto scolastico, in quel momento affollato di cittadini. L’uomo e’ stato notato e fermato da un Maresciallo di vigilanza e, alla richiesta di esibizione dei documenti di guida e di circolazione del mezzo, senza alcun motivo, si e’ rifiutato scagliandosi contro a spintoni e procurando lesioni guaribili in 3 giorni al Carabiniere. L’episodio non ha determinato interruzioni o interferenze alle operazioni di voto. L’arrestato è in attesa di rito direttissimo.

Comunicato

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ASM G. Menichini
test 300x250
In Evidenza
test 300x250