CRISI: PASQUALE MONDA E GIACOMO GIULIANO ESPULSI DALL'UDEUR

Redazione

MARIGLIANO - La sfiducia al Sindaco Corcione da parte dei 17 consiglieri comunali dimissionari rappresenta un atto politico che interrompe ogni legame tra la Pubblica Amministrazione ed i bisogni e le istanze dei cittadini di Marigliano.

Non contestiamo la legittimità dell'azione politica intrapresa dai gruppi politici che stavano all'opposizione dell'Amministrazione Corcione (A.N. - S.D.I. - M.P.A.) perché questi gruppi hanno continuato a fare l'opposizione nel rispetto dei rispettivi ruoli.

Ciò che invece è politicamente inaccettabile è la decisione di quei consiglieri comunali che avevano sottoscritto appena qualche mese fa, un impegno pubblico dinanzi alla Città di evitare il deficit democratico di un lunghissimo Commissariamento e di portare a compimento quelle opere da troppi anni attese e giammai realizzate.

Saremo vigili rispetto alle scelte future, sottoponendo all'instaurando Commissario Prefettizio le priorità da perseguire in questi mesi nel supremo interesse della Città, ma allo stato, è necessario che ognuno si assuma le proprie responsabilità, aprendo una seria fase di riflessione in cui si discuta di programmi e alleanze.

Al di là di sterili polemiche, e di illazioni di bassa lega, che in questi casi sempre vi sono, bisogna prendere atto che verranno messi in serio pericolo i tanti progetti che l'amministrazione stava portando avanti (PIP - PEEP - viabilità e opere pubbliche).

Alla luce dell'inaccettabile ed ingiustificato gesto politico di sfiduciare l'amministrazione Corcione, la segreteria regionale, a mezzo collegio dei probiviri, ha già provveduto ad espellere gli ex consiglieri Monda Pasquale (Alen) e Giuliano Giacomo dal Gruppo Politico dei Popolari Udeur.
COMUNICATO STAMPA POPOLARI UDEUR

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore