MARIGLIANO: L'AREA ARCHEOLOGICA ABBANDONATA A SE STESSA

Redazione

Sono tanti i cittadini che si chiedono cosa si stia facendo per il futuro archeo-parco dopo la casuale, quanto clamorosa, scoperta un po' di tempo fa di resti archeologici di una villa sannitico-romana di età compresa fra il V secolo a. C. e il I d. C. e campi arati del III secolo avanti Cristo, necropoli romane del I I secolo a. C. e una capanna dei Bronzo Antico del XVII secolo prima di Cristo, sotterrati nel Sentino.

Le nostre notizie sono rimaste all'ultimo articolo da noi pubblicato, preso da "la Repubblica", dove si denunciavano la desolazione e l' abbandono dell'area. Abbiamo chiesto alla fine di luglio al Comune del perché e le risposte sono state evasive: pare che siano finiti i fondi per continuare a portare alla luce quegli antichi tesori che potrebbero cambiare il volto del nostro territorio.

Ecco di seguito un nuovo accorato appello di un nostro lettore:
Salve sono un cittadino di Marigliano ed abito a Faibano. L'altro ieri mattina ero in bicicletta e mi è venuta la brillante idea di fare un giro presso gli scavi di Via Sentino. Non era la prima volta che facevo visita agli scavi. Arrivato a destinazione ho visto solo erbacce alte più di tre metri che coprivano gli scavi, e pensare che c'è il nostro passato lì sotto e parchè no, anche il nostro futuro. Perché? Cos'è successo? Fate qualcosa...
Fiore Ugolini

Discuti l'Argomento sul Blog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore