LA GUARDIA FORESTALE LASCIA MARIGLIANO

Redazione

I FORESTALI ANDRANNO VIA…
IL COMUNE NON INTERVIENE PER I LAVORI
La sede locale del comando stazione corpo forestale dello Stato, inaugurata in pompa magna il 3 maggio dell’anno scorso, sarà dislocata in altro comune limitrofo od aggregata momentaneamente alla stazione di Roccarainola.

I locali, assegnati dal comune, in via San Luca, quartiere di Pontecitra, al primo piano dell’edificio condiviso con la scuola media statale Antonio Pacinotti ed il corpo della polizia municipale, oltre agli uffici periferici comunali dei servizi demografici, necessitano di urgenti interventi di manutenzione straordinaria per ristabilire la salubrità e la conformità dettata dalla legge 626 del 1992.

Il comando provinciale del corpo forestale dello Stato, in visita ispettiva di controllo presso la stazione di Marigliano, ha rilevato e comunicato al sindaco ed al responsabile dell’ufficio tecnico comunale le anomalie riscontrate, tra cui il pericolo rappresentato dalla rampa di accesso al primo piano, in ferro, che richiede tappetini antiscivolo ed adeguata copertura per la pioggia, la mancata impermeabilizzazione e pavimentazione del lastrico di accesso agli uffici, le infiltrazioni d’acqua provenienti dal terrazzino scoperto, il surriscaldamento dei locali adibiti a stazione che in questi giorni diventano impraticabili camere a gas.

Altra lamentela, condivisa anche dal corpo della polizia municipale, è rappresentata dal cancello d’accesso al piazzale interno dell’edificio, privo di chiusura, aperto a tutti ed adibito a parcheggio abusivo. La messa in sicurezza dei locali richiede una manutenzione straordinaria per adeguarli alle norme vigenti. Il comando provinciale forestale dello Stato è pronto ad intervenire a proprie spese: potrà farlo solo quando l’amministrazione comunale concederà in comodato d’uso gratuito il locale a piano terra ed i due vani più bagno al primo piano.

In alternativa, per il disinteressamento dei responsabili comunali, dovrà considerare l’offerta di nuovi locali da adibire a sede della stazione, offerti da diversi comuni limitrofi, tra cui San Vitaliano, Saviano, Mariglianella, Pomigliano D’Arco. In poco più di un anno l’attività di prevenzione e controllo del territorio nei quindici comuni ricadenti sotto la giurisdizione della stazione è stata frenetica e lusinghiera con oltre cento casi di abusi edilizi ed inquinamento ambientale denunciati, soprattutto, a Marigliano, tali da rafforzare il corpo dalle iniziali due unità a sei.

L’abusivismo edilizio ed il contrasto all’inquinamento con controlli mirati, anche il rispetto del codice della strada, di cui duecento veicolo fermati e quattrocento persone identificate, testimoniano solo in parte il servizio svolto, chiesto a gran voce dagli amministratori locali, in un’area che richiede costante presenza e controllo dei forestali. Il comune, se vuole avvalersi dei servizi, presenza e controllo quotidiano sul territorio, deve intervenire per realizzare urgentemente le opere di manutenzione straordinaria, oppure permettere al comando provinciale forestale di provvedervi da solo, previa concessione scritta del comodato d’uso gratuito.

ESPOSITO CARLO

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore